ARCHITECTURE

Il vocabolo “monuménto” deriva dal termine latino monumèntum, che a sua volta contiene la radice di due verbi, manère (restare, rimanere) e monère (ammaestrare, ammonire). Un monumento è quindi qualcosa che rimane nel tempo, dà informazioni e insegna. Costruire monumenti ha lo scopo di offrire, non solo a chi vive nel presente ma anche ai posteri, una testimonianza di civiltà.

La rubrica Architecture si occupa di tutti quei monumenti che a partire dal Rinascimento fino ai giorni nostri hanno dato all’uomo la possibilità di fare conoscere la storia e l’evoluzione della cultura, analizzando edifici pubblici, privati e strutture ecclesiastiche. 

Lo scopo della rubrica è quello di presentare a chi legge, in chiave critica, il vasto patrimonio culturale architettonico mondiale, facendo una riflessione sul perché si è giunti alla realizzazione di determinate architetture e osservando come esse abbiano influenzato l’ambiente con la società circostante e, soprattutto, sul ragionamento intorno al concetto secondo il quale è architettura solo ciò che è funzionale.

ULTIMI ARTICOLI

La città futurista di Antonio Sant’Elia

«Noi dobbiamo inventare e fabbricare ex novo la città moderna simile ad un immenso cantiere tumultuante, agile, mobile, dinamico in ogni sua parte, e la casa moderna simile ad una macchina gigantesca». Antonio Sant’Elia, giugno 1914. Antonio Sant’Elia (1888 – 1916) fu un architetto e pittore italiano, esponente di spicco del Futurismo. Sempre più legato […]

Parigi. Incendio a Notre Dame

Ieri 15 aprile 2019 il mondo dell’architettura medievale ha subito una gravissima devastazione. Notre Dame a Parigi, una delle più importanti architetture gotiche al mondo, è stata vittima di un gravissimo incendio che ha portato al crollo della guglia e del tetto. Secondo le prime analisi l’incendio sarebbe divampato dalle impalcature esterne utilizzate per effettuare […]

Ritorno alle origini con l’architettura di Antoni Gaudì

Antoni Gaudì (1852 – 1926) fu uno dei più celebri artisti nel mondo dell’architettura. Fu il massimo esponente del modernismo catalano e venne definito da Le Corbusier come il «plasmatore della pietra, del laterizio e del ferro», dunque un vero e proprio architetto fecondo, tanto che sette delle sue opere presenti a Barcellona sono state […]

ULTIME NOTIZIE