Arte insignificante. Yayoi Kusama

Yayoi Kusama è un’icona dell’artworld che ha fatto delle proprie ossessioni un brand immediatamente riconoscibile.
La ripetizione infinita di un unico segno, il punto, l’ha portata a raggiungere il suo sogno. Il suo scopo dichiarato non è mai stato quello di una ricerca personale o artistica bensì essere un’artista riconosciuta internazionalmente. Il fine della sua attività dunque non è dire qualcosa ma diventare qualcuno.

Guardando le sue opere è evidente la mancanza di un messaggio che vada al di là della decorazione giocosa. Ciò che è più interessante è proprio la persona o meglio il personaggio che, come possiamo apprezzare nel video, non cala la maschera neanche alla sua età avanzata e in condizioni di degenza psichiatrica. Personaggio ben confezionato che sembra in tutto e per tutto predecessore dei vip da reality show che a tutti i costi vogliono entrare a far parte di una cerchia ristretta. Non per poter assecondare una sincera inclinazione, pur non avendone le capacità adeguate, ma per ottenere uno status che gli faccia emergere dalla scomoda condizione della normalità.

Nel caso di Kusama l’inadeguatezza è nella sostanza mentre è invece invidiabile come ancora oggi la sua mano sia ben ferma nel disegnare senza alcuna esitazione.
Non stupisce dunque che la sua fortuna sia iniziata sotto la protezione del nume tutelare Andy Wharol, propagandatore di vacuità e condonatore di superficialità.

Kusama è l’incarnazione dell’immagine dell’artista pazzo, eccentrico e fuori dalla realtà. Figura esemplare di quell’idea di ispirazione come forza esterna che rapisce, nei confronti della quale si è succubi impotenti, che toglie il sonno e la facoltà di riflettere.
È una visione del processo creativo romantica e favolistica che mai ha avuto a che fare con l’arte, sempre bisognosa di un processo di razionalizzazione e produzione tecnica.
È invece banale strumento di chi vorrebbe spiegare l’arte senza avere, e a chi non ha, i mezzi intellettuali per comprenderla. È sempre facile spiegare qualcosa che non si conosce addebitandola a un intervento invisibile, che arriva da non si sa dove e per non si sa quale ragione.

Queste sono le figure eroiche contemporanee, che sfidano le difficoltà per fare l’unica cosa che vogliono fare e che, forse, sono in grado di fare. Non per uno scopo esterno alla propria persona o più alto dei propri piccoli interessi ma per esclusiva soddisfazione delle proprie voglie.
In questo Kusama riesce a rappresentare qualcosa oltre all’immediatamente visibile, non con i suoi pois stesi ovunque abbia il capriccio di posare il pennello bensì con la sua stessa vita. È perfetta raffigurazione della ricerca della fama che pervade la nostra società, con le sue parti di luce e quelle d’ombra. Eroe individualista che a nulla tiene se non alla sua stessa immagine pubblica.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*