Banksy: il rivoluzionario della street art

Banksy è l’artista più celebre della Street art e uno dei più popolari in assoluto.
I suoi lavori riflettono un’ironia e una critica feroce contro il pessimo stato di salute del capitalismo e di quello dell’arte.
Dell’artista non si conosce quasi nulla, sono le sue opere che, guardando le vie, dai palazzi ci parlano della sua identità.
L’artista contesta l’attuale e dominante economia della cultura. Banksy è contro; non contro qualcuno o qualcosa, ma nello specifico tutto quello che frena la libera espressione del singolo trasformato in una merce di scambio su una piazza sempre più alla ricerca dell’artista star.
Come una sorta di Robin Hood moderno dell’arte, ruba lo spazio ai musei tradizionali per regalare una prospettiva agli artisti e agli utenti di strada. Egli è contro un museo-macchina, per una maggiore libertà di espressione.
Essere scoperto ed esposto in un museo è il frutto di un percorso troppo stretto per Banksy, che preferisce andare ad “appendere” le proprie opere negli spazi aperti, non contaminati: sceglie come luogo espositivo per i suoi interventi artistici persino le gabbie degli zoo.
Gli animali sono protagonisti, lo affascinano, sono metafore perfette della vita umana, prigionieri di un’esistenza che non hanno scelto, ma è stata loro imposta dalla società.
Poco si sa sull’artista e il dibattito intorno alla sua figura è sempre ampio, tanto da coinvolgere i media, che lo appellano come uomo invisibile (ma più che visibile, viste le opere) della storia dell’arte e del costume.

Per ogni suo lavoro, qualunque sia il soggetto, non ci si deve fermare alla prima lettura. Banksy vuole fornire un percorso d’immagini tale da suscitare forti emozioni nello spettatore.
Le sue opere contengono un significato intrinseco: quello di non essere chiuse in un freddo museo, ma esposte in ogni angolo della strada, come una sorta di fotografia a cielo aperto, che illustra con pochi scatti la società e l’individuo, frutto del consumismo, soffermandosi alla vera essenza della vita.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*