Claustromania: antico e contemporaneo si incontrano a Roma

Nella seconda metà di ottobre 2019 l’ex convento di Sant’Alessio – sul colle Aventino a Roma – farà da scenario alla mostra Claustromania, collettiva di scultura contemporanea. Il chiostro del convento, luogo nascosto e silenzioso che per la prima volta si apre all’arte contemporanea, ospiterà sculture e installazioni site-specific ideate dagli artisti Riccardo Monachesi, Giovanna Martinelli, Ninì Santoro e Mara van Wees.

La mostra, a cura di Daniela Gallavotti Cavallero, è organizzata da AdA – Associazione Amici dell’Aventino e dall’Istituto Nazionale Studi Romani. L’evento è perciò fortemente territoriale, dal momento che tutti i soggetti coinvolti (sia gli artisti, che la curatrice, che le istituzioni organizzatrici) sono residenti sull’Aventino. Si tratta perciò di una vera e propria “mostra a Km 0”, o come spiega Alessandro Olivieri, presidente dell’AdA, di «Un “fatto in casa” di altissimo livello che dimostra, ove ve ne fosse stata la necessità, a quali risorse umane e culturali può attingere l’Associazione Amici dell’Aventino per promuovere la qualità del vivere nel Rione».

Scopo della mostra è portare l’arte contemporanea in un luogo storico di Roma, promuovendo il fertile incontro tra antico e moderno, tema che sarà anche al centro della tavola rotonda Il contemporaneo incontra l’antico, CASO O NECESSITÀ?, che avrà luogo il 22 ottobre a cura di Claudio Strinati e Riccardo Monachesi.

Dal 21 al 25 ottobre, infatti, in occasione della Rome Art Week, parallelamente alla mostra sarà organizzata presso il Chiostro di Sant’Alessio una ricca programmazione di eventi, dalla presentazione del catalogo a visite guidate, incontri con gli artisti, dibattiti e tavole rotonde.

 

 

CLAUSTROMANIA Scultura contemporanea nel chiostro di Sant’Alessio

Dal 16 al 29 ottobre 2019

Inaugurazione 16 ottobre 2019 ore 17.00

Chiostro di Sant’Alessio

Piazza Cavalieri di Malta, 2 – Roma

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*