Emilio Vedova dalle Collezioni del Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea

Sabato 6 ottobre alle ore 11, presso la Chiesa di San Giuseppe ad Alba (piazzetta Vernazza, 6), avrà luogo l’inaugurazione della mostra a cura di Caterina Molteni Emilio Vedova dalle Collezioni del Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, nella quale sarà esposta l’opera Da Dove… (1984-1). Dopo l’evento dello scorso autunno sull’opera di Enzo Cucchi, prosegue la collaborazione tra la Fondazione CRC e il Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea finalizzata a promuovere importanti occasioni di fruizione culturale nel territorio cuneese attraverso la presentazione al pubblico di prestigiose opere d’arte contemporanea.  La mostra rientra tra gli eventi culturali collaterali all’88aedizione della Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba.

L’esposizione sarà visitabile fino a domenica 2 dicembre 2018, dal lunedì al venerdì dalle ore 14,30 alle 18,30, il sabato e la domenica con orario continuato dalle 10,30 alle 18,30.

Protagonista dell’esposizione è il dipinto Da dove… (1984-1), che venne realizzato tra il 1983 e il 1984 dal celebre pittore Emilio Vedova (Venezia, 1919-2006). L’artista è stato tra le figure più influenti del panorama artistico italiano del secondo dopoguerra, promotore di un forte rinnovamento culturale e politico ed esponente primario della corrente pittorica informale. L’opera, allestita nella zona absidale della chiesa, è un saggio rappresentativo della maturità raggiunta dall’artista in ambito informale e racchiude l’importanza attribuita al gesto nella sua pratica pittorica, nella quale si abbandona la necessità di una corrispondenza rappresentativa con il mondo esterno.

 

 

Dal 06 Ottobre 2018 al 02 Dicembre 2018

Alba | Cuneo

Luogo: Chiesa di San Giuseppe

Curatori: Caterina Molteni

Enti promotori:

  • Fondazione CRC

Costo del biglietto: ingresso gratuito

Telefono per informazioni: +39 0173 293163

Sito ufficiale: http://www.fondazionecrc.it

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*