Ghiglia. Classico e Moderno

Fino al 4 novembre 2018 nel Centro Matteucci per l’Arte Moderna sarà possibile ammirare l’operato di Oscar Ghiglia, il più italiano ed insieme il più europeo degli artisti italiani d’inizio Novecento.

Con una monografica selezionatissima che, accanto ai capolavori più noti di colui che, in modo del tutto personale, ha saputo aggiornare la lezione di Fattori, propone una ventina di opere fondamentali, che sino ad ora, non erano mai uscite dai raffinati salotti di un collezionista d’eccezione.

E’ grazie agli studi di Raffaele Monti e Renato Barilli della metà degli anni settanta che il livornese Oscar Ghiglia comincia ad essere preso in considerazione, rappresentando un “caso” che incarna la cultura figurativa dei primi decenni del Novecento. La pittura dell’artista è priva di contaminazioni anche in virtù del tratto umbratile e scontroso del personaggio, non molto aperto alle relazioni, spesso in contrasto anche con amici vicini, come ad esempio Giovanni Papini e l’illustre Amedeo Modigliani.

Formatosi nella Firenze “modernista”, Ghiglia si afferma tra i più ricettivi alle nuove istanze cosmopolite, declinanti in una pittura di pura invenzione, dove classico e moderno si fondono in modo ideale. A cogliere in anticipo l’essenza di questo doppio registro è Llewelyn Lloyd, che si esprime nei confronti dell’arte di Ghiglia come originalissima e non somigliante a nessun’altra, che non ha punti di riferimento né coi macchiaioli toscani né con l’impressionismo francese.

 

 

Viareggio | Lucca

Luogo: Centro Matteucci per l’Arte Moderna

Sito ufficiale: http://www.cemamo.it/

Orari:

dal 7 luglio al 9 settembre: mar / ven 17.30 – 22.30 ; sab / dom 10.00 – 13.00; 17.30 – 22.30; dal 11 settembre al 4 novembre: gio / ven 15.30 – 19.30 ; sab / dom 10.00 – 13.00; 15.30 – 19.30, martedì e mercoledì : gruppi; lunedì chiuso

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*