Gianluca Corona e Claude Jammet. Erbario – Bestiario

«Credo di aver deciso di intraprendere questo mestiere proprio per il desiderio di voler raggiungere certi effetti di luce e di colore. E’ la possibilità di rappresentare e di elevare un soggetto, anche il più apparentemente banale, ad un livello superiore, al ruolo di icona, di archetipo assoluto».

Poco tempo fa abbiamo avuto modo di incontrare l’attività artistica di Gianluca Corona, esponente della giovane figurazione italiana, incentrata sulla natura morta. Ecco che il 20 Maggio una nuova esposizione prende corpo alla Galleria Cristina Busi di Chiavari, in provincia di Genova.

Claude Jammet è nata in Zimbabwe da genitori francesi. Cresciuta e formatisi in Kenya, India e Giappone, si è trasferita all’età di 19 anni in Sudafrica, dove ha intrapreso la carriera di pittrice. Ora vive e lavora in Italia.

«La credenza comune vuole che gli animali non abbiano anima. Ho vissuto troppe esperienze che indicano il contrario, quindi quando gli animali entrano nella mia pittura ciò non avviene soltanto per ragioni simboliche, ma come segno di parentela». (C. Jammet)

Circa venti oli su tavola e su tela, protagonista per eccellenza: la natura.

La natura vegetale è approfondita da Gianluca Corona, con le sue nature morte ne indaga la forma e la bellezza. La natura animale è invece indagata da Claude Jammet che ne sente le molteplici affinità e con essa ha stretto un grande legame empatico.

Per entrambi gli artisti il lavoro richiede tempi lunghi, è meticoloso, scrupoloso; le richieste delle loro opere sono molteplici essendo artisti di risonanza internazionale. Sono quindi particolarmente orgogliosa di poter presentare le loro ultime opere: una ventina di oli su tavola o tela.

 

 

Dal 20 Maggio al 25 Giugno 2017

Galleria Cristina Busi

Via Martiri della Liberazione, 195, Chiavari (Genova)

Dal martedì alla domenica, dalle ore 17:00 alle ore 20:00

Sabato e domenica dalle ore 10:00 alle ore 12:00 e dalle ore 17:00 alle ore 20:00

 

Vernissage, Sabato 20 Maggio ore 17:00

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*