Hermitage – Il Potere dell’Arte

La Grande Arte al cinema proseguirà con l’appuntamento del 21, 22, 23 ottobre quando arriverà sul grande schermo Hermitage-Il Potere dell’arte.

Il film – documentario è stato realizzato in stretta collaborazione con il Museo Statale Hermitage di San Pietroburgo, racconta le grandi storie che sono passate per i corridoi del museo e per le strade della città: dalla fondazione di Pietro I allo splendore di Caterina la Grande, dal trionfo di Alessandro I contro Napoleone, alla Rivoluzione del ’17, fino ai giorni nostri. Immagini spettacolari porteranno gli spettatori nei grandiosi interni del Museo e del Palazzo d’Inverno, nel Teatro, nelle Logge di Raffaello, nella Galleria degli Eroi del 1812. Un luogo magico svelato attraverso i racconti dei protagonisti, le storie e i luoghi segreti aperti alle telecamere per l’occasione. Un’incomparabile metropoli dell’arte ricca di oltre 3 milioni di opere.

Dentro l’Hermitage, del resto, si può ripercorrere tutta la grande arte europea, da Leonardo a Raffaello, da Van Eyck a Rubens sino a Tiziano e Rembrandt, mentre fuori dalle sue mura la storia si snoda per luoghi ricchi di memorie. Ma la leggenda di San Pietroburgo si trasmette anche attraverso poesie e romanzi che ne hanno mostrato il fascino nel corso dei secoli, come quelli di Nabokov, Dostoevskij e di Achmatova. Per raccontare visivamente lo sviluppo urbano e architettonico, San Pietroburgo verrà presentata nella sua veste diurna e negli splendori delle sue notti, con la Prospettiva Nevskij, il lungoneva, i ponti, il profilo del complesso dell’Ermitage, il Cavaliere di Bronzo, le statue di Pushkin, di Caterina la Grande, di Gogol, le dimore nobiliari che si affacciano sui canali, senza dimenticare la musica e l’opera dei grandi architetti italiani, come Trezzini, Rastrelli, Quarenghi, che ne disegnarono il profilo.

Raccontare la storia dell’Hermitage è come raccontare la storia russa. E’ stato testimone di grandi rivoluzioni e di guerre, ma le sue opere d’arte sono sopravvissute per raccontarlo.

Lo splendore imperiale in ogni argento ci rammenta che questo prima di tutto è un palazzo imperiale. Un monumento nel gusto e nello spirito in ogni galleria ci fa immaginare la vita degli zar in questi ambienti.

L’Hermitage occupa un posto speciale nel cuore russo, è più di un museo, esso è parte della nazione. E’ un museo vivente, uno dei più grandi musei del mondo.

Ogni giorno bisogna aprire le porte come fece Pietro il Grande, per collaborare con i paesi di tutto il mondo.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*