La città futurista di Antonio Sant’Elia

«Noi dobbiamo inventare e fabbricare ex novo la città moderna simile ad un immenso cantiere tumultuante, agile, mobile, dinamico in ogni sua parte, e la casa moderna simile ad una macchina gigantesca».
Antonio Sant’Elia, giugno 1914.

Antonio Sant’Elia (1888 – 1916) fu un architetto e pittore italiano, esponente di spicco del Futurismo. Sempre più legato al contesto storico in cui vive, il suo stile sviluppa una ricerca formale nell’ambito dell’industrializzazione, tenendo conto dei nuovi materiali edilizi, quali cemento armato, vetro o armature in ferro. Il suo maestro e fonte d’ispirazione fu il secessionista viennese Otto Wagner.
L’evoluzione del suo stile era legato al contesto storico in cui l’architetto era immerso, ovvero quello dell’industrializzazione. Le macchine stavano cambiando il modo in cui si percepiva il mondo circostante, non solo rendendo più semplice la produzione industriale, ma anche facendo sbocciare nella gente un senso di accelerazione verso l’avvenire.
La sua concezione dell’architettura futurista si evince in modo limpido da ciò che scrive nel suo manifesto: «L’architettura futurista è l’architettura del calcolo, dell’audacia temeraria e della semplicità; l’architettura del cemento armato, del ferro, del vetro, del cartone, della fibra tessile e di tutti quei surrogati del legno, della pietra e del mattone che permettono di ottenere il massimo della elasticità e della leggerezza».
Fra i numerosi schizzi dell’architetto si ricorda Studio per la Città Nuova, iniziati nel 1909, ove a dominare sono la volumetria netta delle forme, l’uso costante di contrafforti, scalinate che conferiscono un andamento piramidale alle costruzioni e grandi superfici dalla forma a cupola. In quest’opera la principale ispirazione dell’architetto italiano è la metropoli, con i suoi elementi caratterizzanti, quali la monumentalità e la grandiosità delle forme, la cui forte verticalità corrisponde alle numerose comunicazioni orizzontali attinenti il traffico, la velocità delle automobili e della linea ferroviaria. La città diventa, nell’immaginazione di Antonio Sant’Elia, un grande cantiere caotico e dinamico, nel quale è possibile dar sfogo all’inventività grazie all’ausilio di materiali innovativi.
Le due sole opere di Antonio Sant’Elia realizzate, in quanto morì durante la guerra, furono la villa Elisi, progettata nel 1912, a San Maurizio sopra Como e il monumento ai caduti, realizzato sempre a Como.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*