Quando l’arte incontra il digitale. La natura a portata di “touch” del collettivo TeamLab

TeamLab è prima di tutto un laboratorio creativo e interdisciplinare. Nato e sviluppato da un gruppo di professionisti nei diversi campi della pratica dell’era dell’informazione, TeamLab è ad oggi tra i più interessanti collettivi d’oltre oceano in cui il digitale ha preso il sopravvento sul concetto tradizionale di arte. Il gruppo presenta nella sua vasta e impressionante produzione artistica, una commistione di elementi necessari a determinare l’effetto di stupore e sorpresa che accomuna la loro produzione: animazione, suoni, performance, scienza e ovviamente il digitale.

Immaginiamo, dunque, di ritrovarci completamente immersi in una surreale e colorata visione di creature della natura, sotto i nostri piedi, dietro la nostra schiena o sopra la nostra testa, è la totale immersione in un mondo che abbatte ogni confine tra ciò che è reale e ciò che è finzione. Le creazioni “touch” del TeamLab ridefiniscono una nuova concezione del digitale, rendendo possibile o, quantomeno, auspicabile una relazione interattiva e di scambio con l’arte e le persone. La fisicità che apparentemente viene a mancare nella produzione del collettivo, in realtà è uno dei presupposti fondamentali per determinare una nuova concezione di arte 2.0. Il visitatore è il primo elemento che attiva le relazioni e abbatte qualsiasi confine tra il sé e l’opera d’arte. In uno scambio sensibile di mutamenti, l’esperienza che ne fa il visitatore è un coinvolgimento a 360º, in cui l’uomo ha il potere di apportare variazioni o vivere in perfetto sincrono e simbiosi con la natura digitale che lo inghiottisce. L’opera assume nuove sembianze a seconda del comportamento e dei movimenti del visitatore, viceversa l’uomo interagisce e reagisce diventando parte totale e integrante dell’opera e inizia ad assumere nuovi comportamenti creando delle connessioni con le altre presenze nella sala. Questo gioco di rimandi ambigui e legami, creano uno scambio di informazioni e di nuove forme relazionali che intendono idealmente creare un file rouge di emozioni e di interazioni positive tra gli uomini.

Il digitale assume e proietta la capacità di trascendere le barriere fisiche e concettuali a favore di una riflessione che pone le sue radici nella mancanza. TeamLab riporta l’attenzione su ciò che l’arte contemporanea ha lasciato dietro di sé, mantenendo un filo conduttore che pone le sue radici nella cultura artistica Giapponese. In particolare, recupera la visione logica della ricerca spaziale della tradizione nipponica applicando nuove forme digitali con un approccio scientifico e tridimensionale. TeamLab auspica a un cambiamento che vede la perfetta unione tra il mondo e l’uomo. La copiosa produzione di arte digitale del gruppo, propone un’utopica consapevolezza di sé nel tentativo di creare un corpo unico, visibile e condiviso.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*