Les Nabis et Le Décor

L’esibizione presente al musée du Luxembourg a Parigi fino al 30 giugno è la prima in Francia dedicata all’arte decorativa e ornamentale dei Nabis.
La mostra possiede centinaia di opere fra cui dipinti, disegni, stampe e oggetti d’arte, che provengono da collezioni private e pubbliche, che ancora non sono mai state presentate insieme, dell’avanguardia post-impressionista. E’ un’occasione per noi di vedere i capolavori dei Nabis Pierre Bonnard, Edouard Vuillard, Maurice Denis, Paul Sérusier e Paul Ranson.
La storia vuole che l’origine del nome del loro movimento provenga dalla parola ebraica “Profeta”, dopo che Sérusier, affascinato dalla personalità e dall’arte di Paul Gauguin decise di annunciare al mondo ciò che era per lui il nuovo vangelo della pittura.
Così, i Nabis ebbero l’intento di rinnovare la pittura, ispirandosi anche a gran parte della cultura giapponese, difendendo un’arte in legame diretto con la vita, dove la pittura era la rappresentazione della poesia, dei colori e del ritmo e soprattutto una reazione contro l’estetica del pastiche che era allora alla moda. Grazie a questo movimento, il bello divenne parte della quotidianità grazie alle sue numerose decorazioni d’interiore nei palazzi, sui mobili e gli oggetti; l’arte essendo per i Nabis ovunque e per tutti.

« Les Nabis et Le Décor », musée du Luxembourg, Paris, +33 01 40 13 62 00, museedulexembourg.fr

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*