Manuel Felisi. Tempo immobile

Dal 17 febbraio al 25 marzo 2017, Fabbrica Eos di Milano (p.le Baiamonti 2) ospita la personale di Manuel Felisi (Milano, 1976) dal titolo Tempo immobile.

L’esposizione, curata da Alberto Mattia Martini, presenta tre installazioni che indagano la tematica della memoria, quella personale e intima dell’artista e quella collettiva.

Quello di Felisi, afferma Alberto Maria Martini, è «un tempo quasi metafisico, solo apparentemente statico, ma in continuo divenire, che parte dal passato, dal ricordo, per poi modificarsi e quindi evolversi nel presente».

Per attuare questa reminiscenza, Felisi ha spesso fatto uso dell’acqua facendola scendere in forma di pioggia su oggetti per modificarne l’identità. Proprio l’acqua sarà la protagonista della prima installazione Una sola presentata alla Fabbrica Eos, composta da una sola goccia che cade dal soffitto della galleria il cui suono sarà amplificato da un microfono e diffuso per tutto l’ambiente.

La seconda opera Tana consiste in un ambiente appositamente costruito per l’occasione, al quale si accede attraverso l’anta di un vecchio armadio. Al suo interno si trova una serie di abiti appesi che immediatamente richiamano al passato, alla storia particolare di chi ha indossato quegli indumenti, ovvero alla memoria collettiva che scaturisce dalla visione di questi vestiti e dalla percezione dell’assenza dei corpi che li hanno portati.
 
La terza installazione Tempo immobile propone un congelatore dalle pareti in vetro, al cui interno trovano posto vecchi abiti appartenuti a Felisi stesso, che verranno eternati dal ghiaccio stesso. Con questo, l’artista si propone di bloccare il tempo, facendo in modo che i ricordi associati a essi non svaniscano ma rimangano fissati per sempre.

Manuel Felisi, Tempo immobile, 2016, Fonte arte.it

Dal 16 Febbraio 2017 al 25 Marzo 2017

Milano

Luogo: Fabbrica Eos

Curatori: Alberto Mattia Martini

Costo del biglietto: ingresso gratuito

Inaugurazione: giovedì 16 febbraio 2017 ore 18.30

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*