Marco Fantini. HB

HB, la mostra personale di Marco Fantini (Vicenza, 1965), è dedicata al disegno, allo sguardo e ai presupposti che lo sostengono. L’artista si misura con la semantica della matita in un gioco costante di depistaggio, atto a minare i cardini desueti della percezione. Nelle opere esposte al museo di Lissone la matita è sempre presente, sotto forma di citazione diretta o di rimando implicito.

Fin dagli esordi, la traccia del disegno attraversa le opere di Fantini come un vero e proprio “secondo livello” di espressione; un gesto, quello del disegnare, che non precede mai l’opera, perché non la descrive e non ne costituisce l’ossatura progettuale, ma agisce semmai sul magma fondante della pittura per meglio definirla, riducendone l’enfasi e gli eccessi di espressività.

Se fino ad oggi la pittura e il disegno costituivano nelle opere di Fantini i poli opposti di un’antinomia, nei lavori qui esposti il disegno sembra voler far proprie anche le premesse e le ragioni della pittura. I sintomi di tale conversione sono già presenti in talune opere del recente passato (come ad esempio La cura e Stop motion, entrambe del 2010) ma il suo conclamarsi risale a cinque anni fa, quando l’artista si trasferisce a vivere per lunghi periodi in Vietnam, esperienza che l’artista ricorda con queste parole: «Vista troppo da vicino la realtà si sfuoca, e disegnare è un po’ come inforcare gli occhiali da vista: un allontanarsi dal contesto per poterlo ridefinire con maggior chiarezza. Per questo ho disegnato molto durante i miei soggiorni in Vietnam. Distante da obblighi espositivi, dichiarazioni di intenti o sfide concettuali, ho riscoperto il piacere della creazione ingiustificata e capricciosa. Piacere che tutt’ora prosegue e condiziona la realizzazione delle mie opere pittoriche».

Nella mostra al MAC il colore sembra bandito e la materia ricondotta alla traccia polverosa del gessetto sulla lavagna. In quest’occasione Fantini trasla nell’autoreferenzialità del disegno tutti i tratti caratteristici della sua poetica, enfatizzando l’allestimento con una decina di pali di castagno naturale che sono stati convertiti in grandi matite che esprimono il lavorio e l’ansia creativa. Le sculture in legno grezzo intervallano i lavori pittorici più recenti e quelli più datati innescando così veri e propri cortocircuiti visivi che depistano e confondono gli automatismi passivi della visione. «C’è molta distrazione in giro» ­– afferma l’artista – «lo sguardo sembra posarsi su tutto con la medesima passiva indifferenza. Guardare è invece un’azione, è “l’atto del ricevere” che si trascina dietro la coda di un’intenzione, di una consapevolezza, anche se inconscia».

HB è una mostra in cui il disegno diventa il mezzo ideale per ricordare che guardare non significa subire la realtà ma agire su di essa e per suo tramite, trasformandola e trasformando noi stessi.

Fino al 14 Maggio 2017

Lissone | Milano

Luogo: Museo d’Arte Contemporanea

Enti promotori:

  • Federico Mazzonelli
  • Alberto Zanchetta

Telefono per informazioni: +39 039 7397368

E-Mail info: museo@comune.lissone.mb.it

Sito ufficiale: http://www.museolissone.it/

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*