Marina Desogus. Arte nella vita

Marina Desogus, artista oristanese, è animata dal profondo coinvolgimento interiore e un profondo impatto espressivo verso un’arte sempre più ecclettica. L’artista è animata da un profondo coinvolgimento interiore come risposta per un impatto rivolto alla ricerca di nuove forme d’espressione.

Marina Desogus ha sempre attribuito al gesto pittorico un determinato valore interiore, trasferendo in esso la propria ricerca interiora. Come d’altronde dimostrano tutte le sue opere, tra spazzi geometrici ben definiti, immersi nelle calde tonalità, che si amalgamano virtuosamente per fare spazio alla linea incisiva del contorno, che segna la dimensione esistenziale del confine. Si tratta di opere plastiche che sembrano danzare in questa ricerca cromatica, da colori caldi che illuminano fino a terre cromatiche sempre più cupe, che avvolgano come un manto nero le opere, per fare spazio alla ricerca intima tra il reale e l’immaginario della vita.

L’amore per la pittura, come per la scultura ha influenzato la vena artistica della pittrice oristanese, spingendola sempre in modo spontaneo e naturale a rappresentare uno stile tutto suo, dove emerge la consistenza della materia e quindi un senso plastico visibile nelle forme.

Le sue opere sembrano quasi plasmate in argilla, mettendo in risalto la ricerca dei volumi plastici, da conferire un’armonia all’occhio dello spettatore. Tutto questo ha portato a introdurre, l’artista a una pittura sempre più gestuale, nella ricerca di forme e materia, dove l’elemento grafico si attenua nelle armoniose pennellate. Un’opera sinuosa e allo stesso tempo elegante, visibile nella coesistenza della materia.

L’importanza che attribuisce Marina Desogus alla materia e al suo aspetto concreto e tangibile, come spesso è riconoscibile la forte inclinazione a modellare i dipinti, come sa fare una ceramista. In questi anni ha sperimentato la sua vena artistica, alla ricerca della consapevolezza del suo “io” interiore.

Figure silenziose, connotate dalla suddivisione di campi cromatici ben definite e pieni di colori, talvolta accostati dolcemente in un gruppo di figure, come colti in un momento d’intimità o affettività. La linea del contorno è sempre ben marcata che accompagna, come una carezza, i profili, le sagome, attribuendo maggiore pathos al dipinto.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*