More Sweetly Play the Dance. William Kentridge e la ritualità della danza al Museum of Art and Design

Quasi quaranta metri di proiezioni video hanno invaso un’area circoscritta dell’appena riaperto Museum of Art and Design con sede nella bellissima struttura del Freedom Tower di Miami. Quaranta metri di racconto per immagini e suoni, che descrivono e narrano gradualmente di temi come la morte, la malattia e temi socio-politici della nostra contemporaneità. William Kentridge, il maestro per eccellenza della ritualità della danza e della morte, ha presentato la sua installazione video in otto canali, More Sweetly Play the Dance, originariamente commissionata nel 2015 dal EYE Filmmuseum di Amsterdam. La narrazione che si snoda come un’irrefrenabile danza, presenta un rituale in parte filmato live e in parte rielaborato dallo stesso Kentridge, utilizzando il suo inconfondibile segno stilistico, ovvero disegni su carboncino animati riadattati e inseriti in contesti reali e quotidiani.

Il lavoro ci racconta e ci introduce in molteplici storie come un funerale jazz di New Orleans, viaggi mitici o un esodo di sfollati. Il racconto a cui siamo invitati, non solo ci avvolge per la monumentale installazione ma ci rende partecipi di una danza che si muove lenta da destra verso sinistra, seguita da una musica che risuona in testa e che postuma ci fa riflette.

La capacità di William Kentridge di raccontare delle storie che non sono poi altro che parti di realtà proposte in forme nuove, è la sua diligente passione verso l’utilizzo di mezzi semplici come la fotografia e l’immagine in movimento. Metodi che non vengono nascosti bensì lasciati lì, senza troppe pretese, chiari e presenti allo spettatore ma perfettamente inseriti in contesti che non gli appartengono. Inoltre, le mani esperte dell’artista di fama internazionale, danno vita, ancora una volta, in maniera abile e attenta al trionfo della morte come celebrazione della resilienza e della vita.

More Sweetly Play the Dance fa parte del Living Together, un programma interdisciplinare proposto dal MOAD che attraverso incontri di arte, musica, teatro, politica e poesia sfidano la cultura americana ad affrontare tematiche che invadono il quotidiano. Living Together propone in modo trasversale un nuovo modo di pensare e agire, attraverso l’invito a investigare azioni e ri-immaginare nuove forme di vita e utopiche città.

 

 

William Kentridge. More Sweetly Play the Dance

Fino al 20 gennaio 2019

Museum of Art and Design at Miami Dade College

Freedom Tower, 600 Biscayne Blvd.

 

Orari: dal mercoledì al sabato, dalle ore 13.00 alle ore 18.00. La domenica dalle ore 13.00 alle 20.00
Biglietti: $12 general, $5 studenti, bambini under 12 gratis

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*