Non è un provocatore come tanti: Robert Gligorov

Dissacrare è un’arte, probabilmente una delle più difficili. Sempre in bilico tra il colpo di genio e il cattivo gusto Robert Gligorov appartiene a quella categoria di artisti che hanno fatto della provocazione esagerata il leitmotiv delle proprie creazioni.

L’impatto che le sue opere hanno sul pubblico è sempre molto forte, davanti alle sue trovate non si rimane mai indifferenti. Infatti è questa la logica dietro tutta la sua arte: si deve colpire lo spettatore, nel bene o nel male. Per Gligorov non c’è differenza tra uno spettatore indignato e uno estasiato, in entrambi i casi la cosa fondamentale è penetrare con forza nelle loro menti.

La sua produzione ha sempre uno sfondo sociale o politico, cerca di trasmettere le sue personali valutazioni sul funzionamento del mondo ed evita l’arte rivolta a una pura ricerca del piacere visivo. Ecco perché a lui non interessa ammaliare il pubblico quanto invece shockarlo, indurlo a una reazione che non sia solo emotiva ma anche ragionata, sia nell’approvazione che nel ribrezzo. L’artista italo-macedone conosce bene lo star system e proprio da lì sembra mutuare una sorta di filosofia simile al “purché se ne parli”, ovvero: non è importante che l’opera piaccia o che sia bella da vedere, è invece fondamentale che il pubblico reagisca. Toccare tematiche scottanti senza avere il minimo senso della misura e infrangere tabù consolidati diventano dei modi per interrogare la mente dello spettatore, stimolato a mettere in dubbio ciò che può essere moralmente accettato da se stessi. Non è quindi un “purché se ne parli” finalizzato a un aspetto promozionale dell’artista. Al di là dello specifico c’è da dire che a questo modo di esprimersi al limite della sanità mentale ormai ci siamo abituati se non addirittura assuefatti.

Sono tantissimi gli artisti contemporanei che utilizzando la provocazione, anche becera, come mezzo per scardinare i tabù della società. Ma come già detto, dissacrare è un’arte delle più difficili, ecco perché è facile distinguere i sagaci virtuosi dai sempre più frequenti grandi maestri della volgarità gratuita. Dovrebbe essere quasi scontato vedere la differenza tra un Gligorov e una Milo Moirè.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*