Paesaggio e identità. Storie di luoghi, di donne e di uomini / Collezioni di un “Secolo breve”. Il nostro Novecento

Palazzo di Città apre al pubblico con una veste rinnovata, nella quale il museo, che affaccia sul quartiere di Castello, accoglie la città, la vita e il paesaggio conferendo ampio respiro alla interazione tra gli spazi del quotidiano e dell’arte, in linea con l’iniziativa Cagliari paesaggio, alla quale si legano le mostre in programma.

Paesaggio e identità. Storie di luoghi, di donne e di uomini è il titolo che verrà articolato in due mostre: la prima, che si è inaugurata venerdì 30 giugno, presenta il tema attraverso le opere de Gli artisti della Collezione Civica Sarda. Si tratta di un’attenta selezione di opere dal corpus principale della collezione permanente, che spazia lungo il Novecento rimandando a un’idea e a una “auto” rappresentazione dell’Isola da parte dei suoi artisti. La mostra procede a ritroso nel tempo, a partire dall’opera di Maria Lai Come Daphne (1999), per la prima volta esposta al pubblico nell’atrio del museo, così da essere liberamente fruibile a tutti.

Paesaggio e Identità sono quindi declinati e approfonditi nelle radici della loro rappresentazione, attraverso le opere di Foiso Fois, Hoder Claro Grassi, Aligi Sassu, Ubaldo Badas, Giuseppe Biasi, Pietro Antonio Manca, Stanis Dessy, Melkiorre Melis, Costantino Nivola e Pinuccio Sciola, alcuni fra i più grandi maestri dell’arte in Sardegna.

Da luglio l’esposizione sarà arricchita dall’accostamento fra i nostri artisti e i grandi reporter dell’agenzia Magnum, presenti in mostra con le loro immagini di Sardegna, scattate fra gli anni ’50 e ’60 del Novecento. Henri Cartier-Bresson, David Seymour, Werner Bischof, Leonard Freed, Ferdinando Scianna, che immortalarono l’Isola nel momento del delicato passaggio da una cultura tradizionale alla cosiddetta “modernità”. Paesaggio e identità. Storie di luoghi, di donne e di uomini. I grandi fotografi della Magnum in Sardegna sarà inaugurata il 21 luglio 2017.

Due mostre per comporre un solo paesaggio.

La Galleria Comunale d’Arte si presenta al pubblico rinnovata nell’allestimento Collezioni di un “Secolo breve”. Il nostro Novecento. Dal 1933 al 1999, infatti, il Museo Civico ha raccolto, nei tre nuclei  Collezione Sarda, Collezione Contemporanea e Collezione Ingrao, le testimonianze d’arte di un secolo “breve”, secondo  la definizione di Eric H. Hobsbawm segnato da conflitti e contrapposizioni  contrapposizione fra sistemi economici e politici.
Preceduti dalla pittura d’Accademia, i capolavori di Giacomo Balla e di Umberto Boccioni, preludio all’avanguardia futurista, sono esposti nella sala dedicata al Divisionismo e al successivo Futurismo. Cpon questi dialogano le sculture di Francesco Ciusa, riunite in una sala dedicata.
Le sperimentazioni accolte da Ugo Ugo fra il 1968 e il 1974 fanno irruzione nella sala centrale del piano primo, evocando la forza dirompente che ebbero i movimenti artistici del secondo Novecento sulla compostezza delle espressioni d’arte figurativa, ampiamente testimoniata dalla Collezione Francesco Paolo Ingrao.
L’allestimento propone una lettura unica, nella quale convive una grande varietà di stili, dove nessuna delle opere e degli autori prevale sul resto, ma, di fatto, tutti compongono e conferiscono un senso dialettico al Novecento.
Le collezioni, sviluppate nell’asse temporale più pieno del secolo, restituiscono al pubblico espressioni di un’epoca, componendosi in un percorso che, pur all’interno di un quadro complesso e sfaccettato fatto di grandi passioni culturali e artistiche, usa l’arte come strumento emancipato di narrazione storica.

Un’ultima annotazione per i progetti appena avviati  al CARTEC, che si svilupperanno nel corso dei prossimi mesi con il supporto di un team di curatori e artisti: sono dedicati a Antonio Gramsci, uno dei più grandi intellettuali del Novecento.

 

 

Dal 30 Giugno 2017

Cagliari

Luogo: Palazzo di Città / Galleria Comunale d’Arte

Enti promotori:

  • Comune di Cagliari – Assessorato alla Cultura

E-Mail info: museicivici@comune.cagliari.it

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*