Il pallone sgonfio di Gabriel Orozco

La mancata partecipazione della nazionale italiana di calcio al Mondiale non rappresenta solo un fatto sportivo. In Italia lo sport è molto più di un semplice passatempo e i risultati sul campo si ripercuotono sul tessuto sociale e sull’economia. Non si può ignorare la portata culturale che simili avvenimenti possiedono. Il paese dello stivale non è mai stato unito veramente. In tanti si sentono prima cittadini della loro regione e poi italiani, c’è anche chi ripudia il tricolore in nome di una ipotetica identità locale. Una delle poche cose che fa sentire il popolo unito è la Nazionale di calcio e le vittorie internazionali rappresentano le manifestazioni di patriottismo da parte dei cittadini. Ci si sente tutti italiani quando si vince, un po’ meno quando si perde, ma di sicuro tutti subiamo direttamente o indirettamente le conseguenze dei risultati sportivi.

Una buona metafora della disfatta pallonara ce la offre Gabriel Orozco, artista messicano capace di mescolare l’arte con il quotidiano. La sua produzione è molto eterogenea e spazia dalla fotografia al disegno, dalla scultura ai video. Per lui tutto può essere oggetto di indagine e dagli oggetti più semplici possono scaturire riflessioni profonde sulla società contemporanea. Tra arte concettuale e ready made, Orozco sa scovare l’arte ovunque e con qualsiasi cosa. Ecco quindi che a fronte della più grande debacle calcistica della storia italiana non poteva che venirci in mente la sua Pinched Ball, una rappresentazione perfetta di quello che è il momento attuale dello sport più popolare. Un pallone sgonfio come il morale dei tifosi alla fine della partita con la Svezia, vecchio e consumato come la mentalità dei dirigenti sportivi, pieno d’acqua come schiacciato dal peso della massa di un’aspettativa esterna. Aspettativa impossibile da reggere in quanto all’interno dell’oggetto manca ciò che lo renderebbe rotondo e funzionante: l’aria. Quest’ultima è metafora della mancanza di idee e programmazione, vera linfa vitale dello sport.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*