Parigi. Incendio a Notre Dame

Ieri 15 aprile 2019 il mondo dell’architettura medievale ha subito una gravissima devastazione. Notre Dame a Parigi, una delle più importanti architetture gotiche al mondo, è stata vittima di un gravissimo incendio che ha portato al crollo della guglia e del tetto.
Secondo le prime analisi l’incendio sarebbe divampato dalle impalcature esterne utilizzate per effettuare i lavori di restauro. Al momento l’incendio è stato placato e sono stati risparmiati dalle fiamme i due campanili con il rosone che caratterizzano la facciata dell’edificio religioso.
Anche l’interno della cattedrale ha subito gravi danni, ma diverse opere d’arte e reliquie sono state messe in salvo, quali la corona di spine, che i soldati romani avrebbero posto sul capo di Gesù prima della crocifissione, e la tunica di San Luigi, entrambe molto importanti per i credenti cristiani.
La cattedrale parigina, celebrata da Victor Hugo nel celebre romanzo Notre Dame de Paris, del XIX secolo, da ieri ha cambiato il proprio aspetto, l’arte e Parigi hanno una vera e propria cicatrice sul proprio volto. L’umanità ha visto ieri la devastazione di uno del Beni Culturali più importanti del pianeta. Ciò non significa che Notre Dame non esisterà più, la struttura continuerà a vivere grazie alla sensibilità degli uomini che credono nell’importanza delle testimonianze dei secoli passati. Il fuoco può anche bruciare la materia, ma non potrà incendiare l’arte e la memoria.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*