Rosanna Rossi: Percorsi ininterrotti

A Cagliari nell’ambito nel progetto contemporaneo, si apre una mostra percorsa ininterrotta, capace di coniugare metodo, tecnica, ritmo e una grande libertà espressiva.

Fino al 30 ottobre 2016 sarà possibile visitare la mostra Rosanna Rossi, Percorsininterrotti nel nuovo spazio espositivo dei Musei Civici, C.ARTE.C- Cave Arte Contemporanea.

La mostra s’inserisce all’interno del progetto “sotto il segno del contemporaneo” con il quale i musei civici di Cagliari intendono valorizzare la stagione e la temperie culturale che, dal 1965 al 1975, vide Cagliari protagonista nel campo della ricerca e dell’impegno sociale dell’arte.

La mostra dell’artista, ripercorre gli snodi fondamentali del suo percorso: dalle composizioni astratte dei primissimi anni settanta fino ai lavori più recenti, attraverso una sezione di opere che mette in luce il rigore e l’originalità dei processi creativi, sia nella ricerca pittorica sia nell’incisione.

La ricerca sulla continua sperimentazione di materiali da parte dell’artista che dall’informale sconfinano nella pratica dell’assemblaggio e del ready made.

Su tutti questi lavori emerge l’elemento geometrico nazionale, politico che ritorna costantemente nella produzione di Rosanna Rossi in una sorta di giuda compositiva. Cosi come nei paesaggi naturali e metropolitani nella quale la costituzione appartamene fragile della materia sorprendentemente splendente e capace di creare forme ben definite.

La pittura diventa essa stesso oggetto d’indagine da parte degli artisti, perde ogni connotato di referenzialità e di riferimento naturalistico. L’interesse si sposta verso i processi operativi e a tal fine si analizza il rapporto tra i suoi elementi fondamentali: il colore, il segno, la tela, un campo pittorico che calamita o respinge le strisce cromatiche.

Ritmo, spazio, colore con sensibilità, con una leggerezza che avvicina l’acrilico alla luminosità e alla trasparenza dell’acquarello.

Colore e materia, da principio erano le garze, lavate e arrotolate e compresse. In seguito gli spaghi allineati orizzontalmente prende forma la tecnica.

Alla scrupolosa preparazione della tela, sulla quale è steso il colore per velature, segue una tessitura di infinite righe sfumate e vibranti, da determinare il movimento e il ritmo.

L’esposizione si arricchisce della poetica e del linguaggio e insieme d’immagini più espressive dell’arte pubblica, da dare una linfa all’insieme di opere.

La mostra è stata curata da Maria Luisa Frongia, Anna Maria Montaldo, e Marzia Marino.

Galleria Comunale d’Arte

Visitabile fino al 30 ottobre 2016

Opening hours: 10:00-21:00

July and august the thursday until 24:00

Fonte:www.museicivici.it

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*