Scharing-Legami Alchemici. Mostra duale di Marilena Pitturru e Batash

Il progetto espositivo scaturisce da un primo confronto tra Marilena Pitturru e Batash, avvenuto recentemente in occasione del Festival Love Sharing presso la Ex Manifattura Tabacchi a cura di Maria Virginia Siddi.

Le ricerche di Batash e Marilena hanno un fondamento forte, etico,  è un’arte sempre legata al territorio, alla situazione sociale e politica che vivono in prima persona. Batash si distingue per essere  più contemplativa e Marilena Pitturru più attiva. Ne consegue un lavoro molto differente.

Batash lavora sui linguaggi della natura, dell’ambiente e dei luoghi nei quali lei vive (Castiadas). Ritirata volontariamente dalla società, dal frastuono, l’artista ascolta meglio i bisogni del mondo, lo fa costantemente rivolta allo studio, come un antico dottore della Chiesa dipinto da Antonello da Messina. Produce opere dalla forte valenza simbolica, difficili da decifrare, quasi impossibili da de-codificare, ma che lasciano comunque incantati per la bellezza che riverbera dal fascino di tanto mistero.

Marilena Pitturru è un artista cagliaritana, in parte anche lei affronta gli stessi percorsi e studi di Batash, ma in lei c’è una volontà più attiva di fare arte che abbia una valenza sociale e politica: Marilena utilizza soprattutto materiali di riciclo, in questo c’è l’elemento etico forte, e poi spinge, sprona, scuote gli animi, crede nella solidarietà, combatte per i diritti delle minoranze, delle donne, ha uno studio tutto suo nel cuore della Marina e una programmazione interamente al femminile.

 

Spazio e Movimento, via Napoli 80, Cagliari

Fino al 9 dicembre

dal martedì al sabato ore 18.30-20.30

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*