Sergio Sarri. Opere 1967-2017

Il Pop al tempo delle macchine, il Pop al tempo dell’Uomo – Macchina. Il Pop di Sergio Sarri.

Presentato alla galleria Robilant + Voena di Milano dal 24 febbraio al 2 aprile 2017 nella mostra Sergio Sarri. Opere 1967 – 2017, il lavoro di Sarri si nutre sì dei mass-media, della pubblicità, della televisione, del cinema ma concentra la propria profetica riflessione sul difficile rapporto tra l’uomo e la macchina dall’era della prima tecnologia a oggi, epoca in cui la robotica si è fatta infinitesimamente piccola, ma infinitamente presente nelle nostre vite.

La personale, che presenta circa trenta tele di medio e grande formato, si pone come una vera e propria antologica che rende conto dei cinquanta anni di carriera dell’artista e lo propone come uno dei protagonisti di una Pop Art specifica del Nord Italia che si discosta da quella romana, più nota, e – guardando soprattutto alle esperienze europee inglesi e francesi – dà esiti di grande complessità e raffinatezza.

I suoi dipinti, glacialmente analitici, freddi nella loro precisione, esibiscono frammenti di corpi che fanno pensare a una visionarietà sadomasochista. Emblematico, in questo senso, Studio con piccolo attrezzo sonda e schermo con figura, acrilico su tela del 1975, esposto negli spazi della galleria milanese.

Molteplici le fonti che lo ispirano: non solo rimandi all’arte d’avanguardia, ma anche elementi provenienti da linguaggi considerati “minori” come il fumetto -fondamentale per lui l’esperienza di Corto Maltese-, l’illustrazione, il cinema di genere. Profonda è pure la conoscenza delle immagini pubblicitarie che Sarri raccoglie in ritagli di giornali per rimontarle ed utilizzarle in un secondo momento nella costruzione del suo lavoro.

Dal 23 Febbraio 2017 al 02 Aprile 2017

Milano

Luogo: Robilant + Voena

Curatori: Walter Guadagnini

Costo del biglietto: ingresso gratuito

Telefono per informazioni: +39 02 805 6179

E-Mail info: info@robilantvoena.com

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*