Si è conclusa la manifestazione “Artecracy.eu: l’arte contemporanea in Sardegna”

Si è svolta con successo, da giovedì 28  a sabato 30 dicembre, la manifestazione “Artecracy.eu: l’arte contemporanea in Sardegna”, organizzata ad Isili Serri dall’associazione Youth Caravella. Un progetto di turismo culturale che ha coniugato il fascino dell’archeologia sarda alla vitalità dell’arte contemporanea, tra pittura e fotografia, con conferenze, mostre e visite guidate nel cuore del Sarcidano, proponendo arte, archeologia e natura.

Ad Isili, dopo la conferenza di presentazione, alla quale hanno partecipato i Sindaci dei comuni coinvolti, si è inaugurata la mostra d’arte contemporanea “Volcano ed altri cicli” di Antonio Mallus, che ha ripercorso il percorso artistico del pittore, formatosi nel clima neoavanguardistico degli anni Settanta ed avendo come maestri spirituali Kandinsky, Mondrian ed il primo Futurismo. La mostra, considerata la buona affluenza di pubblico, è stata poi prorogata di due settimane. Nei giorni seguenti, le visite guidate alla Chiesa di San Sebastiano sul lago omonimo ed al nuraghe Is Paras

Al Monte Granatico di Serri si è tenuta la mostra “Sguardi” del fotografo Pier Paolo Fusciani, che con le sue fotografie, attraverso i volti, racconta il vissuto delle persone: volti senza età per cogliere il momento più intenso, lo sguardo dove si concentrano tutti i nostri sentimenti, amore, tenerezza, rabbia, meraviglia, passione e malinconia. La visita guidata è stata nel Santuario nuragico Santa Vittoria, uno dei più importanti complessi cultuali della Sardegna nuragica, situato sull’estremità occidentale della Giara di Serri, tra le regioni storiche della Marmilla e del Sarcidano.

Evento realizzato dall’associazione Youth Caravella con il contributo dell’Assessorato al Turismo della Regione Autonoma della Sardegna e dalla partnership con il Comune di Isili, del Comune di Serri, del Santuario Nuragico Santa Vittoria di Serri, dall’Associazione Culturale Artecrazia e del giornale Artecracy.eu.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*