Spazio Urano: un nuovo centro culturale nel cuore del Pigneto

Il quartiere Pigneto di Roma negli ultimi anni è stato colonizzato da molte realtà creative, che, innestandosi sul tessuto urbano preesistente, lo hanno fortemente trasformato, convertendolo in un distretto creativo diffuso e conferendogli un volto nuovo, alternativo a quello associato alla grande presenza di attività legate alla vita notturna, a cui deve in parte la sua fama di zona malfamata o degradata.

Una nuova realtà creativa e culturale, Spazio Urano, verrà inaugurata nel quartiere il prossimo sabato 20 ottobre. Si tratta nello specifico di un luogo di incontro per artisti e appassionati d’arte, il cui scopo sarà quello di ospitare attività culturali e didattiche, come mostre, eventi e workshop di varia natura.

Lo spazio sarà anche sede dello studio del pittore di origine campana Francesco Campese, ormai adottato dal Pigneto, dove ha lavorato per molti anni presso l’atelier StudioSotterraneo, condiviso con altri cinque artisti.

In occasione dell’inaugurazione dello Spazio Urano una selezione dei lavori più importanti di Campese sarà esposta al pubblico attraverso la mostra Etere, a cura di Simona Pandolfi. Saranno esposte opere dai suoi due cicli più importanti, Architectures 2009-1017 e Landscape 2017, in cui lo sfondo si fa paradossalmente protagonista, ogni riferimento alla figura umana è completamente eluso, e forte è l’ispirazione ai grandi artisti del passato (spesso sfociando anche in citazioni dirette), a partire dai primitivi italiani come Giotto e Piero della Francesca, passando per Antonello da Messina, fino ad arrivare alle atmosfere sospese della Metafisica di De Chirico, delle nature morte di Giorgio Morandi e degli scenari urbani di Edward Hopper.

Lo studio di Campese e la mostra saranno visitabili fino al 27 ottobre, in occasione della Rome Art Week.

 

 

22 – 27 ottobre 2018

Inaugurazione sabato 20 ottobre, ore 18.00

Spazio Urano

via Sampiero di Bastelica, 12

Roma

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*