Articoli

Leonardo Crudi. Bandiere

Il 12 ottobre viene inaugurata a Sala 1 la personale di Leonardo Crudi Bandiere, che esporrà per la prima volta il lavoro dell’artista su alcune personalità del Bauhaus che hanno avuto punti di contatto con le avanguardie russe. Alla vigilia del centenario della fondazione del Bauhaus a Wiemar nel 1919, Leonardo ripensa in senso pittorico, fotografico e grafico l’importanza di tale istituzione: una serie di personalità “bandiera” dell’innovazione artistica, generatasi nel fervido ambiente della scuola tedesca, rivestiranno le pareti della storica galleria romana Sala 1.

Anni Albers, Gertrud Arndt, Otti Berger, Max Bill, Marianne Brandt, Sonia Terk Delaunay, Walter Gropius, Johannes Itten, Vasilij Vasil’evič Kandinskij, László Moholy-Nagy, Oskar Schlemmer, sono le figure scelte da Leonardo e rappresentate sui manifesti di stoffa: un richiamo militante ai principi fondatori dell’arte e della grafica moderna.

I grandi artisti del passato si frammentano in un complicato montaggio di forme astratte e geometriche dai colori piatti, a cui si alternano parti del corpo frastagliate nelle loro gradazioni cromatiche tracciate con una semplice penna Bic. Le figure così realizzate compongono una serie di danzatori le cui posizioni mimano le mosse biomeccaniche del teatro di Vsevolod Meyerhold.

Leonardo Crudi fin da giovanissimo scopre il mondo dei graffiti e intraprende la sua ricerca artistica in maniera autonoma e autodidatta. È nel mondo della strada che si forma imparando a calibrare colori e a costruire composizioni in cui geometrie e lettere si modulano in inedite soluzioni grafiche. Dai primi studi sul cinema neorealista italiano, arriva ad approfondire le avanguardie russe e la comunicazione propagandistica alle grandi masse con una particolare attenzione ai manifesti stradali. Dal 2012, si dedica alla produzione delle sue prime opere su carta, e ritrova nelle avanguardie pittoriche e fotografiche del Suprematismo, Costruttivismo, Futurismo russo e nelle personalità di Ejzenštejn, El Lissitzky, Malevič, Rodčenko e Vertov, un linguaggio capace di veicolare contenuti etici e politici.

Oltre alla produzione di manifesti da affiggere sui muri della città per il centenario della Rivoluzione d’Ottobre e di film italiani d’avanguardia e sperimentazione underground degli anni ’60 e ‘70, ha esposto i suoi lavori in varie gallerie; tra queste ricordiamo le personali a Spazio Cerere (2016) e Porta Blu Gallery (2014), nonché la partecipazione nel 2018 all’Outdoor Festival al MACRO di Roma.

Il progetto sarà documentato in un catalogo digitale a cura della Sala 1, con testo della curatrice Sara Esposito, Claudio Sagliocco della redazione L’Amletico e di Giovanni Argan.

 

 

Inaugurazione: venerdì 12 ottobre 2018, ore 18:00

Sala 1, Piazza di Porta San Giovanni 10, Roma

Fino al 16 novembre 2018

Dal martedì al sabato dalle ore 16.30 alle ore 19.30