Articoli

Public Art. L’arte fuori dai musei

L’arte, la creatività, esce dai musei: questo accade con la Public Art, ovvero l’arte pubblica, arte di commissione in Europa e negli Stati Uniti, nata negli anni ’60 del XX secolo, un modo innovativo di presentare le opere d’arte al pubblico, il quale non è vincolato ad entrare nei musei e negli spazi adibiti all’esposizione per poter essere fruitore di opere d’arte ma l’arte entra a far parte del tessuto sociale e della struttura urbana delle città, caratterizzando e rivalutando l’ambiente cittadino. Lo scopo della Public Art è la comunicazione e non la celebrazione, è portatrice di un messaggio che deve essere trasmesso al pubblico, quindi ha un fine differente dai monumenti appartenenti alla tradizione classica e non che è possibile vedere nelle piazze o lungo le vie cittadine, celebranti le gesta e l’autorità del personaggio rappresentato, generalmente appartenente alle classi sociali alte. Le opere appartenenti a questa corrente artistica, note come site – specific,  devono possedere come prima caratteristica la riconoscibilità e devono essere inserite nel tessuto urbano, entrando così in contatto con il contesto paesaggistico, territoriale e urbanistico, fattori che rendono complicata la progettazione di opere pubbliche poiché l’artista deve tenere in considerazione la situazione reale in cui deve intervenire per la creazione dell’opera d’arte.

Ago, Filo e Nodo è l’opera realizzata dagli artisti Claes Oldenburg e Coosje van Bruggen, inaugurata nel febbraio del 2000 a Milano, ubicata nel Piazzale Luigi Cadorna, diventato alla fine degli anni ’90 del Novecento un punto cruciale dei trasporti cittadini. E’ una scultura alta 18 metri, realizzata in acciaio e vetroresina, collocata in prossimità della Stazione di Milano Cadorna, dell’omonima fermata della Metropolitana e della linea Malpensa Express, rappresentante un gigantesco ago con un filo multicolore che sbuca in un altro lato della piazza con il nodo nella parte terminante. Cosa potrebbe rappresentare questo esempio di Public Art? Osservando i colori componenti il filo, verde, giallo e rosso, è possibile notare che sono gli stessi che identificano le tre linee metropolitane milanesi, mentre il fatto che la scultura sia divisa in due parti, che idealmente si ricongiungono nel sottosuolo, è un richiamo alla Metropolitana, garante dei rapidi spostamenti all’interno del capoluogo lombardo. L’opera di Oldenburg e van Bruggen è dunque l’emblema del treno che entra in una galleria sotterranea, un omaggio alla laboriosità milanese e al mondo della moda, che vede la città di Milano uno dei principali centri al mondo, quindi due eccellenze tipicamente milanesi, non solo, come dichiarato da Gae Aulenti, designer e architetto italiana, rappresenta il biscione visconteo presente nello stemma di Milano.

In Sardegna è Costantino Nivola, nel 1986, il realizzatore delle opere scultoree per il Palazzo del Consiglio Regionale a Cagliari, esposte negli spazi esterni, su commissione del Presidente del Consiglio Regionale Emanuele Sanna, sculture studiate dall’artista in modo che possano dialogare non solo fra loro, ma anche, e soprattutto, fra l’architettura e la città circostante, visibili dalle migliaia di persone che ogni giorno transitano lungo la via Roma. Le Madri mediterranee realizzate con morbide linee si contrappongono ai Costruttori massicci e squadrati, ricomponendo nell’unità architettonica il principio femminile e maschile.

Numerosi gli artisti che hanno creato opere di arte pubblica, tra i quali si annoverano Vito Acconci, Mario Merz, Florentijn Hofman, e molti altri.

La matrice e il segno. Giovanni Nonnis incanta l’Antico Palazzo di città

Una grandiosa scoperta si può ammirare a Cagliari. La matrice e il segno, personale di Giovanni Nonnis, è la mostra che anima le sale dell’Antico Palazzo di Città fino al prossimo 13 maggio.

Dalle preziose Crocifissioni su fondo dorato, ai guerrieri, alle virtuose cromie dei vasi di fiori. Ottanta opere che raccontano l’excursus della lunga ed empirica produzione artistica del pittore nuorese. Una produzione breve ma incredibilmente geniale, se non si fosse interrotta troppo presto avrebbe sicuramente conquistato il quadro artistico isolano del XX secolo.

La mostra segue un percorso cronologico che parte dagli anni di formazione di Nonnis con una serie di Crocifissioni del 1959. Incantevoli tempere su foglia oro esprimenti una commovente coralità, tipica del tema religioso delle processioni pasquali. Da queste prime opere si capisce come il grande Giuseppe Biasi abbia influenzato tantissimo il tratto pittorico di Nonnis, essenziale, preciso, ma di una espressività unica.

Superate le Crocifissioni, ci si immerge nella sala più coinvolgente. Per la prima volta sono esposte le matrici originali del pittore, tre grandi matrici con i rispettivi disegni. Le matrici sono pannelli in polistirolo che lui incideva con un bulino rovente per realizzare figure dal forte impatto emotivo, che poi colorava con tempere e imprimeva su masonite e talvolta su tela. Nelle figure leggiamo un energico tratto gestuale tipico dell’Art Brut, ma puntuale e molto efficace, perché dietro questi segni è spiegato il significato di queste forme. Nonnis realizzava Guerrieri. Musa ispiratrice per lui è l’archeologia sarda nuragica, ritenuta per lui massima espressione artistica di tutta l’arte sarda.

Leggiamo dunque una perfetta fusione che ci porta verso un’emozionante e suggestiva riflessione artistica, da un lato la sua vocazione per l’anticlassico, dall’altro il contesto dell’arte informale nel quale Nonnis era immerso in questi anni Sessanta in cui raggiunge la sua piena maturità. Coinvolgente è il video documentario di Giorgio Pellegrini che, grande esperto dell’artista, accompagna il visitatore in un entusiasmante viaggio virtuale che aiuta a comprendere il valore di un sentimento di gloriosa appartenenza alla propria terra.

 

 

“Giovanni Nonnis – la matrice e il segno”

Palazzo di Città, Piazza Palazzo 6, Cagliari

Visita guidata: Dal martedì alla domenica ore 16:30 su prenotazione al numero 070 6776482 dalle 10:00 alle 18:00 – info: http://www.museicivicicagliari.it/it/scheda-antico-palazzo-di-citta

 

 

Nel segno di Galep

La mostra a cura del centro internazionale del fumetto, in collaborazione con il Search, sala espositiva archivio storico di Comunale di Cagliari, presenta una mostra in occasione del centenario della nascita dell’artista sardo Antonio Galleppini, disegnatore del mitico Tex Willer.

E’ possibile visitare l’esposizione fino al 18 gennaio 2018.

La mostra approfondisce inoltre gli anni cagliaritani dell’artista che, nel secondo dopoguerra, realizzò una serie di dipinti. Un’occasione imperdibile per riscoprire e celebrare il grande artista del fumetto che ha dato lustro alla Sardegna. Un mito che negli anni si è consolidato, ha assunto mille volti, adattandosi ai mass media, alle mode e ai tempi.

Il corpo principale dell’esposizione proviene dalla collezione del disegnatore Antonio Galleppini.

Il disegno diventa una passione per sfogare l’angoscia, disegna scene dal vero, imprimendo pochi schizzi sul foglio, con pochi segni di matita, aspetti di vita cittadina, che a stento cercava di uscire dagli orrori della guerra. Si reca nella periferia dove trova gli spunti, nei quali si rivela già il suo straordinario talento.

I suoi disegni in stile di cartone animato, una sorta di fumetto che richiama la dura realtà del tempo, dove l’Italia entra in guerra, mostrando una disciplina rigida e la vita nell’immediato dopoguerra dura, per chi vanta una carriera come artista. In questo periodo si colloca la produzione dell’artista, comincia a disegnare scorci cittadini bombardati, utilizza mattonelle come fogli da disegno e fumi addensati come matite.

Mostra fin da subito un talento per la raffigurazione del fumetto, il successo certamente è dato dal celebre Tex. Diventa un’icona come sfogo e conforto contro una vita vissuta tra le armi e la desolazione di una città che cercava di riprendere le sue forze.

Innanzitutto il protagonista del fumetto è un fuorilegge perseguitato, come si sente il nostro artista, catapultato in un periodo che cerca di dare una connotazione morale alla società senza tempo e vita.

L’esposizione cerca di dare un quadro rivisitato della vita in armonia con la natura, valori positivi di un tempo che sembrano perduti, lontani nel tempo, guardata con occhi differenti, considerando i valori positivi della loro cultura, come il senso del rispetto e la lealtà data troppo spesso per scontata.

La mostra è visitabile al Search fino al 18/01/2018
Dal lunedì al sabato
Dalle 9,00 alle 19,00

Adrian Paci, l’artista albanese ospite del festival “Pazza Idea” a Cagliari

Si è svolto venerdì 24 novembre, presso il Ghetto di Cagliari, l’incontro con l’artista albanese Adrian Paci nell’ambito della rassegna Pazza Idea. Profilo Futuro. Intervistato da Simona Campus, direttrice artistica dell’EXMA, Paci ha raccontato al folto pubblico presente la sua arte, colma di esperienze di vita vissuta e ragionamenti sull’identità dell’individuo. L’artista è nato e cresciuto in un’Albania sull’orlo del baratro, in un’epoca di guerra ed emigrazione. Le navi assalite dai profughi alla disperata ricerca di una vita migliore in Italia o nel resto d’Europa sono ancora impresse nella sua mente. Non solo le difficoltà di un uomo nel farsi accettare in un altro paese, ma anche le peripezie di un artista costretto a spiegare il proprio mestiere a chi è estraneo al mondo dell’arte. Una declinazione del tema dell’incontro tra persone e culture diverse.

Un esempio di ciò Paci l’ha offerto attraverso un video che ha ricostruito una sua interrogazione davanti alla Polizia italiana per delle foto scattate alle sue figlie. Le forze dell’ordine, insospettite dalle immagini che ritraevano le due bambine con dei timbri sulla schiena, hanno convocato l’artista per giustificare il fatto e accertarsi che non si trattasse di abuso. Paci è stato allora costretto a dover spiegare che dietro quell’inchiostro si celava una metafora sull’identità dell’essere umano. Il timbro è per antonomasia lo strumento della burocrazia, un segno sul foglio di via che pesa sulla persona che esce dal proprio paese. Tra l’imbarazzo dell’artista e la poca dimestichezza con l’arte del poliziotto, il dialogo ha aiutato a comprendere come sia difficile per un creativo spiegare perché si agisce in un certo modo. Discorso traducibile anche nel quotidiano, come ad esempio quando non comprendiamo alcuni comportamenti tipici di una cultura estranea alla nostra e ne stigmatizziamo le spiegazioni.

Durante l’incontro Paci ha mostrato tutta la sua poliedricità di artista, capace di spaziare dagli acquerelli ai video, dalla fotografia alla scultura. «Quando faccio un lavoro è perché individuo una situazione che ha una potenzialità, ma allo stesso tempo una conflittualità. Io non entro in qualcosa per dichiarare una mia presa di posizione, entro per capire e riattivare delle dinamiche che trovo interessanti» dice l’artista albanese. Nato come disegnatore è poi approdato al video, tecnica di cui agli inizi non conosceva niente. Questa nuova sperimentazione si è intrecciata con gli altri step della sua carriera, come il passaggio dalla pittura figurativa a quella astratta. Da quel momento la sua arte ha proseguito il dialogo tra differenti linguaggi capaci di influenzarsi l’uno con l’altro.

L’incontro tra l’artista e il pubblico cagliaritano è stato illuminante per ripensare ad alcuni temi contemporanei macchiati dall’eccesso di retorica. L’identità, la patria e la migrazione sono affrontati da Paci in maniera originale e mai stucchevole. L’impressione che si ha nel sentirlo parlare è quella di un uomo che non solo ha vissuto tante esperienze, ma le ha anche comprese e rielaborate per comunicarle all’esterno. Un grande artista che ha onorato e dato ulteriore lustro al festival di “Pazza Idea”, giunto alla sesta edizione di quella che ormai è una certezza nel panorama culturale sardo.

Scharing-Legami Alchemici. Mostra duale di Marilena Pitturru e Batash

Il progetto espositivo scaturisce da un primo confronto tra Marilena Pitturru e Batash, avvenuto recentemente in occasione del Festival Love Sharing presso la Ex Manifattura Tabacchi a cura di Maria Virginia Siddi.

Le ricerche di Batash e Marilena hanno un fondamento forte, etico,  è un’arte sempre legata al territorio, alla situazione sociale e politica che vivono in prima persona. Batash si distingue per essere  più contemplativa e Marilena Pitturru più attiva. Ne consegue un lavoro molto differente.

Batash lavora sui linguaggi della natura, dell’ambiente e dei luoghi nei quali lei vive (Castiadas). Ritirata volontariamente dalla società, dal frastuono, l’artista ascolta meglio i bisogni del mondo, lo fa costantemente rivolta allo studio, come un antico dottore della Chiesa dipinto da Antonello da Messina. Produce opere dalla forte valenza simbolica, difficili da decifrare, quasi impossibili da de-codificare, ma che lasciano comunque incantati per la bellezza che riverbera dal fascino di tanto mistero.

Marilena Pitturru è un artista cagliaritana, in parte anche lei affronta gli stessi percorsi e studi di Batash, ma in lei c’è una volontà più attiva di fare arte che abbia una valenza sociale e politica: Marilena utilizza soprattutto materiali di riciclo, in questo c’è l’elemento etico forte, e poi spinge, sprona, scuote gli animi, crede nella solidarietà, combatte per i diritti delle minoranze, delle donne, ha uno studio tutto suo nel cuore della Marina e una programmazione interamente al femminile.

 

Spazio e Movimento, via Napoli 80, Cagliari

Fino al 9 dicembre

dal martedì al sabato ore 18.30-20.30

Gli orizzonti della percezione. Personale di Antonio Milleddu

La Ruota della Fortuna è lieta di presentare la mostra di pittura dell’artista locale Antonio Milleddu, dal titolo Gli orizzonti della percezione, presso la locanda Aurora di Cagliari, in piazza Yenne, in mostra sino al 15 novembre 2017.

Un risultato con una forte e tangibile espressione del pensiero dell’animo umano, una materializzazione del vissuto personale dell’artista. Antonio Milleddu ha cercato di attraversare e varcare quel sottile confine che separa ciò che vede l’occhio da ciò che vede la mente, passando dalla consapevolezza dell’essere umano. Si tratta di una conoscenza del linguaggio dell’arte legato alla storia e ai vissuti di ognuno di noi. Nei suoi lavori attraverso una fusione di colori e di luci abbiamo una rappresentazione di stati d’animo, un vissuto interiore, sfigurato dal tempo, che esprime allo stesso modo energia, dinamismo, con un risultato oggettivamente suggestivo.

Il pubblico coinvolto ha il progetto di interpretare in chiave eloquente le opere, diventando come parte integrante di esse.

Un’arte studiata nelle forme, con uno spiccato senso del realismo e un innato senso dell’osservazione. Lo sguardo è attratto dai colori brillanti, che rafforzano questo lavoro, basato sull’analisi personale dell’artista. Una componente naturale nel comunicare il mondo interiore del vissuto quotidiano è presente nel lavoro del Milleddu, ove è evidente un lavoro ricco di passione, con un entusiasmo volto alla crescita interiore del protagonista. L’esperienza pittorica è un presupposto che risulta essere la chiave della vita matura dell’uomo.

In questa mostra l’autore mostra le ragioni della trasformazione da una visione del mondo essenzialmente umanista volto al pregiudizio della decadenza, a una concezione più spirituale e astratta. Le esperienze traversali in campo artistico hanno permesso di varcare e conoscere il confine dell’animo artistico, spesso turbato dal vissuto quotidiano. Il percorso artistico nasce dall’esigenza di catturare lo sguardo dello spettatore che deve saper comprendere fino in fondo le radici del suo male. I colori sgargianti rafforzano il carattere dell’esposizione, una parte fondamentale che ha contribuito alla nascita della mostra, che è un percorso ricco di passione ed entusiasmo.

 

 

Info: Cagliari, associazione culturale “la ruota della fortuna” LocandAurora

Fino al 15 novembre

Dalle 10,00 alle 20,00

 

Tiziana Contu alla Gallery Pma – Momenti

Tiziana Contu, esponente di spicco della fiber art italiana, ritorna alla galleria PMA di Cagliari, in via Napoli 84, con una nuova mostra dal titolo Momenti. Cose che già esistono, il loro ricordo e la ricerca del nuovo.

Il percorso artistico dell’artista nasce con la tessitura, col maestro Paolo Marras. Capisce che la tessitura è studio, matematica e precisione, oltre che atto creativo, e come la musica e il canto, ha bisogno di un lungo tempo di studio e applicazione. Così l’esperienza e la passione per la fiber art ha portato Tiziana ad andare oltre: attraverso un processo che attinge al ready made rettificato dei Dada, inizia a lavorare con oggetti dimenticati, a volte scarti di modesto valore, che lei riassembla per dare nuova vita a questi frammenti: molle, ingranaggi, stoffe, giocattoli, pietre, legni, ritagli di giornali e fotografie. Questi pezzi, montati su una struttura impreziosita da ricami con fili di rame, cotone, seta e parti metalliche, diventano conduttori di calore umano: sentimenti, emozioni, ricordi, dubbi, fragilità.

L’opera che Tiziana Contu ha scelto come icona per questa mostra, Si salvi chi può, è un’intelaiatura di ferro da cui pendono delle barchette di carta, come quelle che si facevano da bambini. La carta con cui sono realizzate è stampata in caratteri arabi. Tutto ha un senso: le barche su cui fuggono i profughi somali, siriani, libici, sono fragili come barche di carta. Fra le barchette ci sono dei brandelli di stoffa sporchi, insanguinati. Fragilità. La fragilità del filo di ferro arrugginito che tiene le barche altro non ricorda se non la ruggine che persiste fra le nostre diverse culture. Tiziana Contu mette in scena un caleidoscopio di umanità, che rivela le storie personali nella storia collettiva.

 

 

INFO

Da venerdì 6 a sabato 21 Ottobre 2017

dal martedì alla domenica, dalle 17:00 alle 21:00

Gallery PMA, Via Napoli 84, Cagliari

Vernissage: Venerdì 6 Ottobre, ore 19:00

Street Art e Murales: le immagini di via San Saturnino a Cagliari. Galleria a cielo aperto nella Villanova più nascosta

La città di Cagliari a due passi dal Terrapieno di viale Regina Margherita, presenta al pubblico un’esposizione di graffiti, un’arte non legata in maniera specifica allo studio all’interno di una galleria, ma concepita sullo sfondo di emozioni personali, una forma di denuncia, di critica della società. Una passeggiata circondata dai murales più belli, la città si presenta come una tela sulla quale gli artisti hanno usato le bombolette al posto dei pennelli, dando vita a una parte di vita e animando una parte di un quartiere senza anima.

Attraverso le immagini è subito chiaro che non si tratta di arte di cattivo gusto che imbratta le mura della città, ma di una vera e propria esplosione artistica. La mostra s’inserisce all’interno del paesaggio, un incontro tra il genio degli artisti e la loro personalità, invitando il pubblico alla scoperta di un altro modo di vedere l’arte, senza barriere di una galleria.

Volti, creature fantastiche fatte di tinte sgargianti sono un piacere per lo spirito e gli occhi. Gli autori di queste opere sono spesso anonimi, o meglio le loro personalità, perché nella maggior parte dei casi la loro firma è nascosta in maniera indecifrabile nei murales, nei graffiti.

Il quartiere di Villanova può sfoggiare un volto nuovo, poco conosciuto, che fa aggiungere la bellezza alla bellezza. Un’espressione di sintesi del pensiero e dell’animo umano. Un confine sottile che separa ciò che vede l’occhio da ciò che vede la mente, attraverso una fusione di colori e prospettive, rappresenta stati d’animo, un vissuto interiore, esprimendo al tempo stesso dinamismo ed energia.

Una mostra che si può toccare con mano e decidere, secondo il proprio gusto, se quei muri sono meglio con o senza murales. Una cosa è certa si è cercato di attraversare quel confine che separa l’arte dalle regole dall’animo umano considerandolo una forte tangibile espressione e materializzazione del pensiero dell’artista.

 

Francesco Zizola “Sale, Sudore, Sangue”. Un racconto fotografico tra phatos e tradizione

Fino al 17 Settembre 2017 sarà possibile visitare presso la Sala Volta dell’EXMA di Cagliari la mostra del fotografo, pluripremiato a livello internazionale, Francesco Zizola dal titolo Sale, Sudore, Sangue che mette in scena scatti in bianco e nero realizzati negli ultimi cinque anni nelle tonnare sarde del sud Sardegna, tra Portoscuso e Porto Paglia. La mostra fa parte di un più ampio progetto Hybris che indaga e analizza i limiti dell’uomo rispetto agli elementi naturali e all’ambiente che lo circonda.

Ecco perché Zizola sceglie di fotografare uno spaccato della Sardegna differente dai soliti clichè ma incentrato su un rituale di pesca antico e inusuale ai giorni d’oggi, la mattanza, che seppur cruento rispetta in tutto e per tutto la vita e l’ecosistema marino. Una pesca selettiva e concentrata in un breve periodo di tempo, un’antica pratica che rischia di scomparire a causa della pesca intensiva di tipo industriale.

Negli scatti di Francesco Zizola emerge in modo evidente quel forte legame di sangue, quella forte relazione simbiotica tra i pescatori ed il mare. Foto in bianco e nero che riescono a farci entrare nella scena e vivere appieno le fasi di questo “rito”, regalandoci emozioni, intensità e phatos.

Un racconto fotografico che si concentra sulla forza del gesto e dello sguardo, riuscendo a valorizzare appieno un mestiere duro e sempre più in estinzione come quello del pescatore, ma che allo stesso tempo permette di inabissarsi nell’infinito del mare.

Francesco Zizola è nato a Roma nel 1962, si è laureato in antropologia e ha cominciato a occuparsi di fotografia in modo professionistico nel 1981. Oggi è tra i fotografi italiani più famosi e apprezzati a livello internazionale: negli anni le sue fotografie sono apparse su riviste e giornali di tutto il mondo ed è stato premiato World Press Photo– tra cui nel 1997 per la miglior foto dell’anno – e sei volte al Picture of the Year Internation. Ha pubblicato diversi libri e le sue fotografie sono state esposte in molte città d’Europa. Zizola è tra i fondatori dell’agenzia fotografica Noor e ha aperto il centro per la fotografia 10b Photography, a Roma.

 

Sardegna. 18 giugno 2016.
Un tonnaroto comincia a eviscerare un grande esemplare di tonno rosso appena pescato. Le interiora del tonno saranno distribuite nel mercato alimentare mondiale.
© Francesco Zizola

Tonnara di Porto Paglia, Sardegna, 3 giugno 2016. I tonnaroti tirano la leva mentre i tonni iniziano la loro ultima danza nella camera della morte.
Tonnara of Porto Paglia, Sardinia, 3 June 2016
Tonnaroti pull the nets while the tuna start their last dance in the chamber of death.

Tonnara di Porto Paglia, Sardegna, 18 maggio 2017. Dopo una giornata di duro lavoro i tonnaroti si apprestano a tornare al porto.
© Francesco Zizola

 

Cagliari

Fino al 17 settembre 2017

EXMA, Sala delle Volte

Cagliari sotto

Al Search, sede espositiva archivio storico comunale, è allestita la mostra fotografica di Marco Mattana, Cagliari Sotto, visitabile fino al 17 settembre, che racconta la storia di una città nascosta sotto l’asfalto, sotto i nostri occhi.

Un viaggio per scoprire la storia di una città celata dai sensi, nascosta, che sfugge da ogni indagine. Lo spettatore è conquistato dal suo fascino, dalle strade allegre e animate, fino ad arrivare al suo cuore immaginario, dove l’allegria si fa ovattata, silenziosa e la luce si spegne in un’oscurità carica di segni e trasmette un fascino irresistibile.

Un viaggio affascinante, grazie alla luce dell’eccellente fotografia, che esalta la presenza discreta umana.

Riuscendo a far emergere dal buio l’anima dei luoghi, a catturare quelle atmosfere che emanano una scossa elettrica impalpabile, che fanno fare un salto nel tempo dentro una visione onirica, proiettano lo spettatore in una dimensione sensoriale.

Il percorso artistico viene proclamato con una brutale immediatezza visiva, ci denuda dal messaggio principale, riduce all’essenziale le fotografie al fine di esaltare il significato. La mostra comunica con un linguaggio diretto, tale che chiunque giunge a un’immediata comprensione.

Il percorso artistico attraversa la storia della dominazione della nostra città, dai fenici agli spagnoli, passando per la Karalis dell’impero Romano, per terminare con una città che cerca riparo dalle bombe degli alleati. Sotto le rocce, un possibile rifugio di salvezza. Una testimonianza d’arte, segnata da conflitti e contrapposizioni.

La manifestazione evidenzia la fotografia come visione oggettiva e soggettiva di un patrimonio attraverso l’obbiettivo. Il messaggio di questa esposizione è adattata a tante situazioni, diverse in realtà, realizzati per assicurare un ricordo, o a un’interpretazione riferita a un sorriso forzato di una città sofferente, che cerca di rinascere dalle torture subite.

Sono illustrazioni di un viaggio attraverso la memoria di chi ha vissuto quei tempi. Marco Mattana vuole ricostruire un realismo di una rinascita, l’affacciarsi di una nuova humanitas.

 

 

Fino al 17 settembre

Cagliari

Luogo: Search spazio espositivo comunale

 

Costo del biglietto: ingresso gratuito

 

Tutti i giorni