Articoli

Ekaterina Panikanova. Attraversando il mio giardino

E’ in corso fino alla fine di Luglio presso la galleria Z2O di Sara Zanin di Roma la nuova personale dell’artista russa Ekaterina Panikanova, a cura di Marina Dacci.

La visita diventa un’esperienza immersiva nel modo interiore dell’artista; un flusso di ricordi rche viene rappresentato attraverso oggetti e brani di natura sapientemente intrecciati tramite l’uso di nuovi media.

La scelta dell’elemento naturale deriva dagli anni in cui Ekaterina ha vissuto in campagna e diventa terreno letteralmente fertile per innestare una serie di rimandi al suo trascorso personale. La natura è un continuum temporale, un universo dove il passato, il presente ed il futuro vivono simultaneamente, un posto dove sentirsi protetti e parte del tutto.

Il percorso espositivo si delinea lungo tre sale; nella prima due palloni galleggiano nell’acqua di una piscina, simbolo di un movimento sospeso. Nella seconda, effetti sonori accompagnano una serie di oggetti che diventano testimonianza della parabola esistenziale e soggettiva dell’artista.

Ma è la terza sala che svela pienamente il concept di mostra: una serie di elementi (libri, merletti in creta, bicchieri di vetro) vengono affiancati a elementi naturali, come rami e foglie secche, diventando una sorta di giardino artificiale (da qui il titolo della mostra appunto), un luogo al confine tra la realtà presente e quanto già vissuto, un prato mentale dove i fiori hanno il profumo di quanto non è più esperibile ma che al contempo racchiude le gemme di un ipotetico futuro ancora da cogliere.

 

Z20 Sara Zanin Gallery

Dal 20 giugno al 31 luglio 2019

Via della Vetrina, 21, Roma

Dal lunedì al venerdì: 13:00 – 19:00

www.z2ogalleria.it