Articoli

Memorie#Confronti: Clavis Universalis di Jasmine Pignatelli in mostra a Roma

Dopo un anno di peregrinazioni, lo scorso lunedì 17 dicembre è finalmente approdata a Roma, presso il Palazzo Doria Pamphilj, la mostra Memorie#Confronti, ideata e curata da Don Massimiliano Floridi in collaborazione con il Trust Floridi Doria Pamphilj e la Fondazione Santa Francesca Romana.
Si tratta dell’ultima tappa di una mostra itinerante, basata sul confronto tra arte contemporanea e tradizione pittorica antica, che nel corso di tutto il 2018 ha attraversato in lungo e in largo l’Italia, ripercorrendo tutti i luoghi significativi della casata Floridi Doria Pamphilj.
Dopo una prima tappa presso il Palazzo del Principe a Genova (da marzo a luglio), la mostra è migrata successivamente a Finale Ligure, a Dolceacqua e a Torriglia (tra luglio e settembre), per poi approdare, in occasione del progetto Cultura nella Valle del Tevere, nella Pinacoteca del Palazzo Vitelli alla Cannoniera di Città di Castello (dal 2 al 18 novembre), e arrivare infine a Roma, negli splendidi appartamenti privati del famoso Palazzo di via del Corso, dove resterà visitabile fino al prossimo 6 gennaio.
La mostra espone l’opera vincitrice della prima edizione del Premio “Memorie”, indetto per promuovere ogni anno la creazione di una nuova opera d’arte contemporanea su un tema legato alle opere della collezione, alla storia e ai luoghi delle famiglie Floridi Doria Pamphilj. Come si evince dal titolo della mostra, quest’anno il tema su cui misurarsi era “Confronti” (nel 2019 sarà invece “Tradimenti”), e l’opera vincitrice è la scultura Clavis Universalis di Jasmine Pignatelli, artista nata in Canada che oggi vive e lavora tra Bari e Roma. Si tratta di un cubo disarticolato e trasformabile, composto da una successione di lastre trasparenti serigrafate con dei segni neri, una sorta di reticoli che alludono alla memoria e danno vita ad uno spazio instabile, in continua mutazione e in grado di filtrare l’ambiente circostante a seconda del punto di vista. Clavis Universalis, ispirata al pensiero dello scrittore, teologo, astrologo, missionario catalano del XIII secolo Raimondo Lullo, è in sostanza un tentativo di comprendere l’universo incomprensibile, di cogliere la struttura della realtà, utilizzando la memoria come chiave fondamentale e vedendo nel confronto tra passato e presente l’unica possibilità di costruire un futuro migliore.
La mostra sarà infatti un’occasione per ammirare l’opera, ma anche le preziose stanze del Museo che la ospita, in uno speciale intreccio tra arte contemporanea e arte antica, passato e presente, memoria e attualità.
Al termine della mostra l’opera sarà esposta in modo permanente nella residenza Floridi Doria Pamphilj di Campo Catino, che sorge a 1800 metri di altezza nel comune di Guarcino (in provincia di Frosinone), in una straordinaria area paesaggistica tra i monti Ernici e Cantarici. Costruita su un ex rifugio dell’Aeronautica, la residenza è oggi la dimora preferita della famiglia, visitabile anche dal pubblico per ammirare non solo la collezione di opere d’arte, ma anche gli avanguardistici interni dell’edificio e i percorsi naturalistici caratterizzati da quattro installazioni dinamiche d’arte contemporanea dedicate agli elementi della terra.

Memorie#Confronti
18 dicembre 2018 – 6 gennaio 2019
Appartamenti Floridi Doria Pamphilj, Palazzo Doria Pamphilj
Via del Corso, 305
Roma
www.trustfdp.it