Articoli

Vi presento Lara Desogus!

Oggi cari lettori, vorrei presentarvi una piccola donna. Piccola poiché è alle prime armi con il mestiere e piccola perché realmente è piccolina di statura, curata in ogni minimo dettaglio, precisa e con ogni cosa sotto controllo…ma per l’arte, be per quella non esiste controllo.

Scopriamo assieme chi è Lara Desogus, illustratrice sarda.

Website: http://www.laradesogus.com/works/

Chi sei?

Rispondere alla domanda chi sei e come ti definisci non è sempre semplice, men che meno per una ragazza come me, che ha fatto della sua riservatezza un punto fondamentale del suo carattere. Diciamo che sono una persona che ama in modo smisurato l’arte e che vorrebbe farne il suo progetto di vita. Inoltre, non ho mai applicato un muro tra ciò che è concretamente la pratica artistica e lo studio di essa. Ho sempre pensato che entrambi i percorsi si dovessero inseguire l’uno con l’altro, e difatti, è stato cosi con il conseguimento dei miei studi indirizzati nel campo dell’arte contemporanea.

Perchè ti piace disegnare?

In realtà non ho una risposta sul perché mi piace disegnare, diciamo che è un qualcosa che ho sempre sentito di dover fare. Una sensazione, piuttosto che una scelta! Da una scelta ci si aspetta sicurezza, il sapere che non si è in balia della vita e soprattutto ci si affida ad essa per capire come strutturarla, per capire sempre cosa c’è dietro l’angolo! La verità è che io non ho mai avuto il men che minimo controllo su tutto ciò. Solo negli ultimi anni ho cercato di definire ciò che stessi facendo, darne un senso, individuarne la direzione da intraprendere, anche se ammetto con molta umiltà che tutto ciò che faccio è ancora e semplicemente una grande passione e spero un giorno di riuscire a trasformarla in qualcosa di maggiormente concreto.

Passione o lavoro?

Passione sempre, perché senza quella non scaturirebbe nulla.

Ti ha fatto appassionare qualcuno al disegno?

In effetti ho delle illustratrici predilette, da Esra Roise a Kei Meguro, le loro realizzazioni mi hanno sempre entusiasmato e tutt’ora continuano a farlo. Ma in generale è tutta l’arte a ispirarmi. Nonostante i miei disegni siamo realistici, il mio ambito di studi mi ha portato ad apprezzare dell’arte le tantissime sfaccettature insite in ogni stile, rintracciandone sempre e comunque la bellezza interiore ed esteriore.

Hai mai pensato di far vedere le tue creazioni a qualcuno che potesse valorizzarle?

In realtà già renderle pubbliche per me è stato un grande passo. Ho sempre considerato i miei disegni/illustrazioni come un qualcosa di privato. In tutto ciò, il tempo e alcune esperienze che ho avuto sia belle che brutte, mi hanno aiutato e spinto a pensare che potessi fare di più. Il percorso non è stato semplice, sapevo disegnare, ma tramutare un disegno da analogico in digitale richiedeva una conoscenza di programmi e passaggi della quale non avevo alcuna padronanza. Come qualsiasi mestiere che si apprende ho dunque studiato e mi sono applicata nell’intento di conformare i metodi da me utilizzati e ammetto che continuo a farlo tutt’ora, quotidianamente per migliorare ciò che faccio.

Cosa ti aspetti da questi lavori?

Rispondere a questa domanda un po’ m’imbarazza. Cerco di rispondere anche in questo caso con grande umiltà consapevole di questa bella esperienza. Diciamo che ho tanti progetti in mente, tante idee che un giorno spero di riuscire a realizzare, nel mentre però mi aspetto di continuare a fare ciò che faccio migliorandomi costantemente. Inoltre, penso che mentre prima la cultura non intesa in senso prettamente scolastico, ma intesa in senso di contenuti, era in mano al cinema, alla televisione, e dunque hai grandi media, oggi i social siano un nuovo punto di riferimento!! E fa ridere la cosa, è un po’ atipico, ma ognuno di noi oggi ha la possibilità di offrire agli altri una rappresentazione di sé stesso, e lo facciamo secondo delle nuove regole dettate da noi che implicitamente abbiamo imparato e acquisito. Pertanto, non disdegnando comunque i canali ufficiali dell’arte, ma adeguandomi al tempo e al progresso spero di proseguire su questa strada che è anche quella attraverso la quale è nato tutto.

Ringrazio Lara per avermi dedicato il suo tempo e per essersi confidata e averci raccontato un po’ di se, lasciando la timidezza e riservatezza a casa, almeno per questa volta.

Buona fortuna, piccola donna!

 

edf