Articoli

Premio Modigliani

Segue l’onda di successo cavalcata dalla mostra internazionale Spoleto Arte il Premio Modigliani. L’esposizione verrà inaugurata nella medesima sede, lo storico Palazzo Leti Sansi, venerdì 26 luglio e a partire dalle 17 e aprirà esattamente con il conferimento della prestigiosa targa agli artisti selezionati.

Organizzata e presentata dal curatore di mostre e grandi eventi Salvo Nugnes, presidente di Spoleto Arte, la mostra avrà il contributo di numerosi ospiti illustri, tra cui il direttore della Triennale di Fotografia Luigi Gattinara, Gianni Marussi, già responsabile dello Speciale Mostre TgCom e di Ardirectory del TgCom24, il fotografo di fama internazionale Roberto Villa, amico di Pier Paolo Pasolini e di Dario Fo, e di Maria Lorena Franchi, curatrice d’arte di Montecarlo.
«Il Premio Modigliani – ricorda Salvo Nugnes – nasce con l’intento di celebrare e mantenere viva la memoria dell’artista da cui prende il nome, proponendosi di diffonderne il genio e l’arte in Italia e all’estero».

L’anticonformismo che ha contraddistinto il pittore che i francesi soprannominavano Maudit (pronunciato per l’appunto come l’abbreviazione “Modì”, che significa “maledetto”) è dovuto alle sue particolari influenze e ai suoi incontri con alcuni degli artisti dell’epoca. «Il primitivismo di questo meraviglioso pittore – spiega il prof. Sgarbi – è una sintesi di tradizione italiana e della civiltà africana delle maschere nere […]. Però poi, quando uno guarda l’opera, la sente totalmente italiana, direi petrarchesca. Si percepisce questo lirismo, questo rivolgersi alla donna come destinataria della passione, dell’amore, della dolcezza».

L’artista non ha mai goduto in vita di fortuna né fama, al contrario di quanto avviene oggi. Modigliani è infatti considerato ora uno dei principali artisti della storia dell’arte e, pertanto, il premio diventa un modo per riconoscere i nuovi talenti e quelli già affermati, sostenendoli maggiormente nel loro percorso nel vasto panorama artistico italiano e internazionale.
Per maggiori informazioni è possibile chiamare lo 0424 525190, il 388 7338297, scrivere a org@spoletoarte.it oppure visitare il sito www.spoletoarte.it.

 

 

Dal 26 Luglio 2019 al 19 Agosto 2019

Spoleto | Perugia

Luogo: Palazzo Leti Sansi

Indirizzo: via Arco di Druso 37

Curatori: Vittorio Sgarbi

Telefono per informazioni: +39 0424 525190

E-Mail info: org@spoletoarte.it

Sito ufficiale: http://www.spoletoarte.it.

CAZZOTTO 2019: interventi d’arte nel centro storico di Perugia

Perugia ha sferrato il suo terzo cazzotto: l’omonima kermesse artistica è infatti tornata ad invadere le strade della città umbra, con una serie di interventi, installazioni e performance che si sono susseguiti lo scorso 10, 11 e 12 maggio. Il nome dell’evento, ideato da Simona Frillici e Giassi Piagentini, rende omaggio al simbolo locale più dolce: Cazzotto era infatti l’appellativo originario con cui era stato chiamato il famoso Bacio Perugina.
Il progetto si è dispiegato per le vie della città, interagendo con abitanti e turisti, valorizzando il ricco patrimonio artistico locale ma anche gli scorci meno noti; numerosi gli artisti che hanno partecipato all’iniziativa, con una ricca presenza di opere site specific: Mario Consiglio, Mauro Cuppone, Carlo De Meo e Simona Frillici hanno proposto l’installazione collettiva Flags/Bandiere, mentre il balcone dell’ex-Cinema Turreno ha ospitato un’immagine straniante realizzata da Iginio De Luca; Francesco Capponi torna simbolicamente con Due minuti a Mezzanotte, installazione su carta già presentata durate la scorsa edizione accanto alla galleria Kennedy, ricostruita in questa occasione attraverso una serie di interventi pittorici.
Su Via della Sapienza Luigi Puxeddu con il suo Ultimo Elefante ha sorpreso i passanti con l’apparizione destabilizzante di un pachiderma rosso all’interno di un garage, mentre Karpuseeler ha realizzato Karpuseeler -Givemefive- feat.Valentina Angeli, un insieme di cinque puzzle che dialogano con altrettanti dipinti di Valentina Angeli; sempre in questa sede Meri Tancredi ha presentato Richieste d’aiuto, un’installazione audio-visiva.
Lo splendido complesso del Collegio della Sapienza, che nacque nel XIV secolo per ospitare un’importante istituzione universitaria voluta dallo Stato Pontificio, ha fatto invece da cornice agli interventi di Myriam Laplante, Daniela de Paulis, Giovanni Albanese, Sara Santarelli, Giancarlino Benedetti Corcos, Hans-Hermann Koopmann, Stefano Bonacci e Mauro Folci. D’impatto l’intervento sul pozzo monumentale di Galeazzo Alessi effettuato da Alberto Timossi, che ha creato un’interessante sinergia tra materiale industriale e marmo bianco, mentre un’installazione di Stefano Bonacci ha impreziosito il giardino d’inverno. Sempre negli spazi del Collegio hanno avuto luogo la performance di Angelo Pretolani dal titolo Pronto a Niente e quella di impronta teatrale di Pasquale Polidori, Povera Opera. Di grande interesse l’intervento di Andrea Aquilanti, che ha proposto un progetto di recupero e restauro virtuale del meraviglioso affresco del Giottino presente all’interno della cappella di San Gregorio.
Cazzotto si riconferma per il terzo anno consecutivo evento culturale interessante ed originale, dove la città di Perugia diventa un palcoscenico urbano messo a disposizione della creatività di una serie di artisti brillanti ed eterogenei.

Perugia, dal 10 al 12 maggio 2019 – Sedi:
1. Balcone Sopra ex cinema Turreno, Piazza Danti
2. Appartamento azzurro, Via della Gabbia, 7
3. Galleria Nazionale dell’Umbria, Corso Pietro Vannucci 19
4. Collegio della Sapienza Vecchia, oggi Convitto Oanosi via della Sapienza, 6
5. Via della Sapienza 1-5 e Via Caporali 35°
6. Via Baglioni
7. Ingresso accanto agli ascensori dismessi accanto alla Galleria Kennedy, Via XX Settembre

CAZZOTTO: eventi d’arte nel centro storico di Perugia

Perugia è colpita da un potente cazzotto, sferrato da una serie di artisti: Giovanni Albanese, Rita Albertini, artisti§innocenti, Marco Bernardi, Simone Bertugno, Tomaso Binga (Bianca Menna), Stefano Bonacci, Carlo Caloro, Francesco Capponi, Mario Consiglio, Mauro Cuppone e Jack, Iginio De Luca, Carlo De Meo, Escuela Moderna/ Ateneo Libertario, Marino Ficola, Angelo Frillici, Simona Frillici, Giovanni Gaggia, Alain Le Bourgocq, Karpuseeler, Hans Hermann Koopman, Britta Lenk, Andrea Nurcis, Enrico Corte, Giassi Piagentini, Ugo Piccioni, Pasquale Polidori, Luigi Puxeddu, Francesco Romanelli, Paolo Sfretti, Santiago Sierra, Daniele Villa Zorn, Mirk Zantor.

Una “rissa” simbolica, che vede protagoniste una serie di opere e di interventi (si va dall’installazione alla performance, fino ad arrivare alla pittura), dislocati in maniera inedita ed originale per le vie del centro cittadino che si fa percorso espositivo: vetrine, edicole e perfino le sale del Cinema Modernissimo accolgono infatti le opere in mostra.

La kermesse, ideata da Simona Frillici e Gianni Piagentini, ha avuto inizio l’8 aprile con l’inaugurazione della mostra The Ring, e proseguirà poi con Cazzotto nei giorni dal 12 al 14 aprile.

I due eventi artistici si inseriscono in un programma più ampio, infatti in  concomitanza della mostra si svolgerà  il consueto appuntamento annuale del Festival del Giornalismo, mentre Cazzotto sarà il finissage del Perugia Social Photo Fest.

E’ questa un’occasione per far dialogare in maniera diretta con l’arte perugini e  forestieri, creando degli incontri sorprendenti ed inusuali mentre si cammina per le vie della città.

L’ironico nome dell’evento è un omaggio al capoluogo umbro e al suo dolce simbolo, il famoso bacio Perugina, il cui nome originario era infatti proprio “cazzotto”.

Cazzotto e bacio, due termini in antitesi, entrambi però in qualche modo associabili ad un’emozione potente, la stessa che trasmette l’arte stessa nelle sue molteplici espressioni.

Ring si terrà invece nelle sale di Palazzo della Penna dedicate a Alberto Burri e Joseph Beuys, e vedrà protagonisti una serie di artisti la cui ricerca si incentra su temi socio-politici, mettendo così l’arte nella posizione di diventare intervento attivo nel mondo.

 

 

Perugia

dall’ 8 al 15 aprile 2018