Articoli

Nel segno di Galep

La mostra a cura del centro internazionale del fumetto, in collaborazione con il Search, sala espositiva archivio storico di Comunale di Cagliari, presenta una mostra in occasione del centenario della nascita dell’artista sardo Antonio Galleppini, disegnatore del mitico Tex Willer.

E’ possibile visitare l’esposizione fino al 18 gennaio 2018.

La mostra approfondisce inoltre gli anni cagliaritani dell’artista che, nel secondo dopoguerra, realizzò una serie di dipinti. Un’occasione imperdibile per riscoprire e celebrare il grande artista del fumetto che ha dato lustro alla Sardegna. Un mito che negli anni si è consolidato, ha assunto mille volti, adattandosi ai mass media, alle mode e ai tempi.

Il corpo principale dell’esposizione proviene dalla collezione del disegnatore Antonio Galleppini.

Il disegno diventa una passione per sfogare l’angoscia, disegna scene dal vero, imprimendo pochi schizzi sul foglio, con pochi segni di matita, aspetti di vita cittadina, che a stento cercava di uscire dagli orrori della guerra. Si reca nella periferia dove trova gli spunti, nei quali si rivela già il suo straordinario talento.

I suoi disegni in stile di cartone animato, una sorta di fumetto che richiama la dura realtà del tempo, dove l’Italia entra in guerra, mostrando una disciplina rigida e la vita nell’immediato dopoguerra dura, per chi vanta una carriera come artista. In questo periodo si colloca la produzione dell’artista, comincia a disegnare scorci cittadini bombardati, utilizza mattonelle come fogli da disegno e fumi addensati come matite.

Mostra fin da subito un talento per la raffigurazione del fumetto, il successo certamente è dato dal celebre Tex. Diventa un’icona come sfogo e conforto contro una vita vissuta tra le armi e la desolazione di una città che cercava di riprendere le sue forze.

Innanzitutto il protagonista del fumetto è un fuorilegge perseguitato, come si sente il nostro artista, catapultato in un periodo che cerca di dare una connotazione morale alla società senza tempo e vita.

L’esposizione cerca di dare un quadro rivisitato della vita in armonia con la natura, valori positivi di un tempo che sembrano perduti, lontani nel tempo, guardata con occhi differenti, considerando i valori positivi della loro cultura, come il senso del rispetto e la lealtà data troppo spesso per scontata.

La mostra è visitabile al Search fino al 18/01/2018
Dal lunedì al sabato
Dalle 9,00 alle 19,00