Tiziana Contu alla Gallery Pma – Momenti

Tiziana Contu, esponente di spicco della fiber art italiana, ritorna alla galleria PMA di Cagliari, in via Napoli 84, con una nuova mostra dal titolo Momenti. Cose che già esistono, il loro ricordo e la ricerca del nuovo.

Il percorso artistico dell’artista nasce con la tessitura, col maestro Paolo Marras. Capisce che la tessitura è studio, matematica e precisione, oltre che atto creativo, e come la musica e il canto, ha bisogno di un lungo tempo di studio e applicazione. Così l’esperienza e la passione per la fiber art ha portato Tiziana ad andare oltre: attraverso un processo che attinge al ready made rettificato dei Dada, inizia a lavorare con oggetti dimenticati, a volte scarti di modesto valore, che lei riassembla per dare nuova vita a questi frammenti: molle, ingranaggi, stoffe, giocattoli, pietre, legni, ritagli di giornali e fotografie. Questi pezzi, montati su una struttura impreziosita da ricami con fili di rame, cotone, seta e parti metalliche, diventano conduttori di calore umano: sentimenti, emozioni, ricordi, dubbi, fragilità.

L’opera che Tiziana Contu ha scelto come icona per questa mostra, Si salvi chi può, è un’intelaiatura di ferro da cui pendono delle barchette di carta, come quelle che si facevano da bambini. La carta con cui sono realizzate è stampata in caratteri arabi. Tutto ha un senso: le barche su cui fuggono i profughi somali, siriani, libici, sono fragili come barche di carta. Fra le barchette ci sono dei brandelli di stoffa sporchi, insanguinati. Fragilità. La fragilità del filo di ferro arrugginito che tiene le barche altro non ricorda se non la ruggine che persiste fra le nostre diverse culture. Tiziana Contu mette in scena un caleidoscopio di umanità, che rivela le storie personali nella storia collettiva.

 

 

INFO

Da venerdì 6 a sabato 21 Ottobre 2017

dal martedì alla domenica, dalle 17:00 alle 21:00

Gallery PMA, Via Napoli 84, Cagliari

Vernissage: Venerdì 6 Ottobre, ore 19:00

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*