Trastevere cuore romano del contemporaneo. Gabriele de Santis a Frutta Gallery e Year of the Monkey a Galerie Emanuel Layr

Doppia inaugurazione giovedì scorso nel cuore trasteverino della capitale. Due giganti dell’ambiente contemporaneo mondiale si sfidano a colpi di vernissage, creando una coalizione tra vicini e dando, ancora una volta, un ampio respiro di produttività e circolazione di idee nel (forse) più fervido quartiere che ha il suo trait d’union nella contemporaneità artistica dei giorni nostri. Da una parte la già conosciuta Frutta Gallery di James Gardner e dall’altra la recentissima Emanuel Layr Galerie, che torna sulla scena romana dopo l’esperienza temporanea in via del Vantaggio, con una vera e propria galleria che possa mettere in moto una produzione d’idee e uno scambio continuo tra Italia e il resto del mondo.

Gabriele de Santis, artista autoctono, torna a distanza di due anni dalla sua precedente mostra presso Frutta Gallery, con un’opera site specific tra arte urbana, citazioni e operazioni di straniamento e irritabilità. Truth to be told occupa come in una sorta di horror vacui tutte le pareti della galleria, trasformate dall’artista romano per accogliere lo spettatore in un ambiente di comune semplicità di visione, utilizzando propriamente aspetti dell’arte di strada per poi inserire, come di consueto, l’errore o l’intermittenza e distogliere, confondere e straniare, il fruitore attraverso dichiarazioni e statements disturbanti. Tipicamente imperniato nella sua capacità comunicativa, anche in questo caso Gabriele de Santis ha messo a portata di tutti un’arte partecipativa che obbliga chi osserva ad entrare nel processo dinamico e irriverente di continui giochi iperbolici, rimandi improbabili che sfuggono a uno sguardo veloce e incontrollato.

Mentre la sala di James Gardner ci riporta a casa, Emanuel Layr ci proietta in un mondo culturalmente “infettato” di nomi giovani e provocatori, mettendo in scena l’internazionalizzazione dell’arte. La mostra che ha inaugurato il nuovo spazio del collezionista austriaco, è Year of the Monkey. La collettiva vede inseriti in un calderone culture differenti da Vienna, New York e Berlino i nomi che si susseguono promettono un’esaltante scena artistica di livello internazionale. Juliette Blightman, Lena Henke, Benjamin Hirte, Niklas Lichti, Matthias Noggler, sono i cinque artisti scelti per inaugurare in gran stile il nuovissimo spazio che si instaura in maniera definitiva accompagnato e sostenuto dai vicini, oltre a Frutta Gallery, T293 e Gavin Brown.

Il quartiere trasteverino, sempre più affollato, si sta lentamente confermando come uno dei luoghi di maggiore interesse artistico e tra le vie ammantate di san pietrini, vecchie chiese abbandonate e vedute tradizionalmente romanesche, permette non solo di ispirare e scoprire un’aria di un vecchio passato ancora vivo, ma contemporaneamente si apre al nuovo, al diverso e al dissonante in una continuità di produzioni artistiche pulsanti e incredibilmente affascinanti.

Year of the Monkey, Galerie Emanuel Layr, exhibition view, 2017(www.artribune.com) Gabriele de Santis, Frutta Gallery, exhibition view, 2017(foto dell'autrice) Gabriele de Santis, Truth to be told, Frutta Gallery, exhibition view, 2017 (foto dell'autrice) Year of the Monkey, Galerie Emanuel Layr, exhibition view, 2017(foto dell'autrice)

 

Gabriele de Santis – Truth to be told

Frutta Gallery

Via dei Salumi 53, 00153 Roma

19/ 01/ 2017 – 04 / 03/ 2017

Orario: dal martedì al sabato dalle ore 13.00 alle ore 19.00

Ingresso gratuito

 

 

Year of the Monkey / Rome. Juliette Blightman, Lena Henke, Benjamin Hirte, Niklas Lichti, Matthias Noggler

Galerie Emanuel Layr Rome

Via dei Salumi 3, 00153 Roma

19/01/2017 – 25/ 03/ 2017

Orario: su appuntamento

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*