Tutti in fila da Madame Tussauds!

Sculture realizzate con la cera. Non si tratta di una forma d’arte esclusiva dell’età contemporanea, la cera è stata infatti uno dei materiali che fin dai secoli passati ha contribuito alla creazione di sculture rappresentanti la figura umana. Se nel passato le sculture in cera avevano come fine quello di supportare gli studi in ambito anatomico, si pensi ad esempio alle celebri cere di Clemente Susini, attualmente esse hanno assunto anche un altro ruolo, ovvero quello mirante a celebrare una già nota personalità.

Per capire meglio l’argomento è il caso di ricorrere a un esempio, in questo caso si prenderà in considerazione il contenuto del celebre museo londinese Madame Tussauds. Innanzitutto chi era Madame Tussauds? Marie Tussauds era una donna di origini alsaziane che imparò a modellare la cera fin da quando era bambina, colei che nel XIX secolo, quando si trasferì da Parigi a Londra, portò con se il corpus di opere da lei realizzate impiegando la cera. Tutto questo che ha a che fare con la sfera contemporanea? Basta metter piede nel museo e si noterà subito come le opere presenti non sono dei pezzi ottocenteschi, infatti da Madame Tussauds il visitatore può ammirare e toccare vere e proprie sculture contemporanee ritraenti personaggi del cinema, della musica, politici e personalità religiose, tutte a grandezza naturale (non è da dimenticare che sono presenti anche le cere raffiguranti personaggi storici).

Questi soggetti scultorei fatti di cera non sono altro che una copia di un essere umano vivente, di un personaggio noto al pubblico grazie all’influenza dei mass media. A differenza delle sculture iperrealiste di Duane Hanson, il quale concentra il proprio operato artistico nella creazione di sculture rappresentanti individui “comuni”, le cere londinesi sono un vero e proprio richiamo per il pubblico proprio per il fatto che si è scelto di mettere in allestimento dei personaggi famosi in vari campi. Cosa ha comportato tale scelta? Si pensi ai numerosi adolescenti in fila per scattare un selfie con la copia della propria pop star preferita, o ai numerosi turisti che si mettono in coda per farsi fotografare con le cere ritraenti i membri della famiglia reale britannica. Ciò significa che quell’immagine, quella copia scultorea che ha assunto i connotati di un noto personaggio, ha un’influenza tale da sostituire il personaggio reale nella mente del pubblico nel momento in cui quest’ultimo si trova davanti all’opera.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*