Y.Z.Kami e l’indaco della notte

Avvolte da un’atmosfera enigmatica, dalle tonalità fredde color indaco, il colore della notte, le opere di Y.Z.Kami sono forme visibili di un sogno, di un’idea o di un’immagine del reale veicolata dalla foschia e dallo sfumato del nostro vedere. Originario di Teheran, Y.Z.Kami, dopo la sua partecipazione al progetto collaterale della 58esima Biennale di Venezia, The Spark Is You, una collettiva organizzata dalla Parasol unit foundation for contemporary art di Londra, presenta la sua prima personale in Italia dal titolo Night Paintings presso gli spazi di Gagosian.

Lo spazio espositivo di Gagosian si mette a disposizione di un racconto per immagini monocromo in cui vige la predilezione per un linguaggio teso tra il figurativo e l’astratto. Nella tensione dell’indaco e di una pennellata nebbiosa e sfocata, che esaspera l’enigma del vedere, i dipinti notturni di Kami mostrano delle immagini in dialogo attraverso piani apparentemente solidi, liquidi e gassosi. A tenere unito il tutto è una riflessione tra il filosofico e lo spirituale. Seppur non in maniera immediata, si percepisce una necessità di raccoglimento, come un momento di sacra contemplazione, in cui la possibilità di cogliere certi aspetti del visibile è velata dall’ineffabilità della composizione. Sembra più essere in dialogo diretto con le capacità del vedere, che con ciò che è realmente visibile. Tra tutte le opere, Great Swan (2018) esplicita questa incapacità in un’immagine più figurativa che ci suggerisce un momento, interrotto però da un compatto blocco di colore che sospende il percorso dell’occhio sulla superficie del dipinto in maniera brusca. Così, l’immagine è suggerita e invita la memoria e l’immaginazione, a mettersi in gioco e a vivere in maniera più empatica possibile il racconto descritto nell’opera. I corpi, i colori, le fattezze umane sembrano dissolversi, e così anche il tempo dell’immagine che tesa nell’enigma si dilata nell’immortalità del gesto.

Le immagini di Kami, partono spesso da istantanee scattate dall’artista stesso che ritraggono componenti della famiglia, amici o sconosciuti. I suoi ritratti si distinguono per l’utilizzo di una pittura fatta di velature, di composizioni velate, accennate, attraverso cui, gradualmente, costruisce l’immagine. I tratti sfumati che li caratterizzano richiamano antichi dipinti iconici, carichi di una dimensione temporale e sacrale sospesa. Per Gagosian, Kami, mette in mostra la duplice anima della sua produzione, lasciando da parte i ritratti e aggrappandosi a un’unica dimensione del colore. Da una parte l’astratto, dall’altra il figurativo, mezzi che l’artista utilizza per rendere delle emozioni e delle immagini che si legano necessariamente con la nostra capacità non solo di vedere, ma anche di interagire emotivamente e spiritualmente.

Veduta d’installazione della mostra “Night Paintings” di Y. Z. Kami presso Gagosian Roma, ph Matteo D’Eletto, M3Studio, Courtesy Gagosian and the artist

Veduta d’installazione della mostra “Night Paintings” di Y. Z. Kami presso Gagosian Roma, ph Matteo D’Eletto, M3Studio, Courtesy Gagosian and the artist

Veduta d’installazione della mostra “Night Paintings” di Y. Z. Kami presso Gagosian Roma, ph Matteo D’Eletto, M3Studio, Courtesy Gagosian and the artist

Veduta d’installazione della mostra “Night Paintings” di Y. Z. Kami presso Gagosian Roma, ph Matteo D’Eletto, M3Studio, Courtesy Gagosian and the artist

Veduta d’installazione della mostra “Night Paintings” di Y. Z. Kami presso Gagosian Roma, ph Matteo D’Eletto, M3Studio, Courtesy Gagosian and the artist

Y.Z.Kami Night Paintings

fino al 21.03.2020

Gagosian

Via Francesco Crispi 16, Roma

Orari: dal martedì al sabato, ore 10.30 – 19.00

Ingresso libero

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*