Articoli

OFFICINA PASOLINI, MAMbo Bologna

Officina Pasolini è un’esposizione dedicata all’universo poetico, estetico e culturale di Pier Paolo Pasolini, promossa dalla Cineteca di Bologna, in collaborazione con l’Istituzione Bologna Musei e l’Università di Bologna – Scuola di Lettere e Beni culturali, che è aperta al MAMbo fino  al 28 marzo 2016 nell’ambito del progetto Più moderno di ogni moderno. Pasolini a Bologna, l’insieme delle iniziative promosse dal Comune di Bologna, intorno all’opera e alla figura di Pasolini.

Un itinerario suddiviso in sezioni tematiche, dedicate alla Formazione di Pasolini a Bologna, negli anni di Roberto Longhi; quindi ai Miti che hanno caratterizzato la sua opera (il mondo contadino, il sottoproletariato romano, l’antichità classica, il terzo mondo); le Icone, da Mariyn Monroe a Maria Callas; la Critica della modernità negli scritti per il Corriere della Sera; il Laboratorio petrolio dedicato all’ultima opera incompiuta. Si termina con quindi, con tre Gironi che si addentreranno nella sua visione “infernale” dello “sviluppo senza progresso” del mondo contemporaneo e con la sezione Pasolini dopo Pasolini.

Pasolini è stato un artista che ha sperimentato le più diverse forme espressive e in ogni sezione della mostra saranno esposte fotografie, filmati, dipinti e disegni, estratti di film, riprese di spettacoli teatrali e documenti audiovisivi, scritti originali, costumi di scena.

Pier-Paolo-Pasolini-Ansa

Fino al 28 marzo 2016

Luogo: MAMbo Museo d’Arte Moderna Bologna, via Don Giovanni Minzoni 14, Bologna

Orari: martedì, mercoledì e venerdì 12.00 – 18.00

         giovedì, sabato, domenica e festivi 12.00 – 20.00 [lunedì chiuso]

Biglietti: Intero 6 € – Ridotto 4 €

Informazioni: www.mambo-bologna.org

Biennale FOTO/INDUSTRIA 2015

Il 3 Ottobre 2015 ha inaugurato la seconda edizione della Biennale FOTO/INDUSTRIA 2015 a Bologna, promossa dalla fondazione Mast in collaborazione con il Comune di Bologna che vede la direzione artistica orchestrata da Francois Hebel.

La rassegna si articola in quattordici esposizioni allestite in undici sedi storiche del centro e nella riqualificata periferia della città dove sorge il MAST – Manifattura di Arti,Sperimentazione e Tecnologia – dove sarà possibile osservare da vicino i lavori di noti esponenti della fotografia contemporanea industriale.

Artisti molto noti nel panorama contemporaneo ma anche reporter, ritrattisti e giovani professionisti ognuno con un modus operandi personale e di forte impatto.

La Biennale FOTO/INDUSTRIA si conferma un appuntamento internazionale importante per la città di Bologna, un evento che punta a valorizzare e riqualificare la cultura industriale del territorio, alla scoperta di alcuni luoghi ai più ancora sconosciuti.

Gianni Berengo Gardin _ Cantieri Navali Ansaldo _ Genova 1978 © Gianni Berengo Gardin

Gianni Berengo Gardin _ Cantieri Navali Ansaldo _ Genova 1978 © Gianni Berengo Gardin

Un’analisi minuziosa del lavoro industriale dove la produzione risulta il tema centrale delle varie esposizioni: dalla creazione del prodotto alla sua distribuzione fino allo smaltimento vero e proprio. Ecco rappresentati dal fotografo spagnolo Pierre Gonnord i volti e le facce oscure e segnate dei lavoratori operanti nelle miniere delle Asturie che portano sul viso i segni della fatica e della stanchezza. L’individuo solo e anonimo ma allo stesso tempo con un’identità sociale delineata e molto forte, in un momento storico in cui la nostra invece è sempre più vacillante.

Pierre Gonnord _ Armando 2009 _ Courtesy of the artist and of the Gallery Juana de Aizpuru

Pierre Gonnord _ Armando 2009 _ Courtesy of the artist and of the Gallery Juana de Aizpuru

Per il tema Post-produzione il cinese Hong Hao ha quotidianamente scandito per dodici anni, periodo cinese che segna la trasmigrazione in cicli di fati e destini diversi, gli oggetti del quotidiano archiviandoli nel computer come un diario visivo. Li ha assemblati insieme ricreando dei grandi quadri visivi, con una precisione di incastri quasi maniacale che ci mette davanti ad un consumismo contemporaneo, una sorta di auto-analisi dell’artista, della sua vera essenza sociale. Attraverso la scansione si stabilisce una relazione intima fra oggetti e gli esseri umani riconducibile ad un elemento di concretezza.

Hong Hao _ Contabilità 7 B 2008 _ © Hong Hao Courtesy Pace

Hong Hao _ Contabilità 7 B 2008 _ © Hong Hao Courtesy Pace

Un approccio più fotografico legato all’ uso della MACRO sono gli scatti di David La Chapelle che si presenta in una vesta artistica del tutto nuova. La moda lascia spazio a delle immagini di grandi dimensioni che da lontano sembrano rappresentare imponenti edifici industriali illuminati con luci al neon ma, se si analizzano da vicino, si può notare come l’artista, utilizzando sottoprodotti riciclati, riesce a ricreare un ambiente industriale semplicemente unendo e intrecciando tra loro fiammiferi, lattine di alluminio, bottiglie di plastica e di cartone ritagliato e dipinto. L’unico spaccato reale della foto è lo scenario, veri e propri scatti paesaggisti in cui viene ricreata e assemblata la finta industria.

David La Chapelle _ Land Scape, Castle Rock 2013 _ © David La Chapelle Courtesy Galerie Daniel Templon Paris

David La Chapelle _ Land Scape, Castle Rock 2013 _ © David La Chapelle Courtesy Galerie Daniel Templon Paris

Merita di essere menzionato anche l’artista italiano Luca Campigotto che presenta attraverso alcuni scatti l’attività delle grandi navi e degli scali commerciali , spesso realizzate in contesti notturni illuminati solo ed esclusivamente dalle luci artificiali presenti sul posto, dagli anni Novanta ai giorni nostri nei porti di Genova, Marghera, New York e Venezia. Una visione iperrealista della globalizzazione della produzione che ci mostra a quali dimensioni sia ormai giunto il flusso delle merci e degli uomini.

Luca Campigotto _ Arsenale di Venezia, 2000_ © Luca Campigotto

Luca Campigotto _ Arsenale di Venezia, 2000_ © Luca Campigotto

Durante la Biennale un ampio programma di eventi darà spazio anche ad incontri con i fotografi e con i curatori delle esposizioni.

[Sara Costa]

BIENNALE FOTO/INDUSTRIA 2015

3 ottobre – 1° novembre 2015

martedì – domenica 10.00 / 19.00

Ingresso gratuito

Infopoint: Piazza Nettuno, 1 Bologna

lunedì – domenica 10.00 /19.00

www.fotoindustria.it